Nei giorni precedenti a giovedì 28 marzo, a Sarezzo, sono iniziate le operazioni propedeutiche per la riqualificazione di via Verdi. Tra queste, rientra il taglio degli alberi presenti in una parte del parco che circonda l’istituto Primo Levi. Ne dà notizia il Bresciaoggi. Infatti, per la riqualificazione, in programma nei prossimi giorni, la Provincia di Brescia ha stanziato 200mila euro (80 verranno presi dalla casse comunali). L’operazione prevede poi che il Comune riceva, in concessione gratuita per 30 anni, 780 metri quadrati di area verde del Primo Levi, in modo da realizzare 50 nuovi parcheggi lungo Via Verdi, dalla rotatoria fino al parcheggio delle scuole medie.

Il taglio degli alberi, però, non è stato preso molto bene dagli insegnanti del Primo Levi: “Siamo reduci dalla manifestazione del 15 marzo per il clima, al quale hanno partecipato ragazzi e ragazze che oggi si vedono portar via un pezzo di parco”. Gli alberi, inoltre, come affermano gli interessati, formavano una sorta di barriera che proteggeva dai rumori, ma anche dallo smog delle numerose auto che transitano e sostano davanti alla scuola. La risposta non si è fatta attendere: l’assessore al lavori pubblici Ruggero Gervasoni ha infatti spiegato che, dopo la realizzazione dei parcheggi, verranno piantati nuovi alberi che però non facciano troppo volume. 

Un altro intervento è previsto per reperire 45 nuovi posti d’auto per i dipendenti del Primo Levi: si utilizzerà la piastra polifunzionale dimessa all’interno dell’area sportiva dell’istituto e delle media Giorgio La Pira. Si procederà poi a riprogrammare la viabilità realizzando una nuova intersezione a rotatoria tra le vie delle Bombe, Bailo, Nord e Verdi. Saranno anche realizzati attraversamenti pedonali protetti e nuovi tratti di marciapiede che miglioreranno l’accesso al servizi come ufficio postale, scuole, municipio e biblioteca.