Nave, rispetto ambiente: automezzi elettrici ed interventi green

0

Nuovi mezzi per il Comune di Nave: investiti 200mila euro per l’acquisto di due veicoli, uno ibrido e l’altro elettrico. I veicoli verranno condivisi dagli addetti alla manutenzione del verde e dal gruppo di Protezione civile. I fondi usati erano destinati fin da subito per questo scopo, in quanto c’era necessità di rinnovare il parco mezzi ormai vecchio. Si tratta di una decisione in linea con la scelta presa dall’amministrazione per un ambiente più pulito (inizio mandato, l’installazione del fotovoltaico in municipio).

Da alcuni giorni, è già attivo il furgoncino Nissan dei Servizi sociali: totalmente elettrico è costato 49mila euro, con attrezzature per il trasporto dei disabili, cinque posti a sedere e una carrozzina. Viene ricaricato ogni notte nel garage del municipio e ha un’autonomia di 301 km. La Polizia locale, invece, dopo le bici elettriche arrivate nel 2016, ha ora in dotazione un’auto ibrida: fino ai 50 km è elettrica poi entra in funzione il motore termico. Il costo del mezzo è stato di 30mila euro (l’80% finanziato dalla Regione tramite un bando).

Di elettrico, poi, ci sono anche i soffiatori, i tagliaerba e le motoseghe utilizzate per la manutenzione del verde (spesi 6mila euro). Con il loro utilizzo, i cittadini verranno disturbati meno e inoltre ci saranno meno emissioni di polveri. Tra gli investimenti rientrano: un’apecar (15mila euro), una panda 4×4 per l’ufficio manutenzioni (20mila euro), un mezzo sgombraneve (110mila euro), tutti con motore termico euro 6, dato che sul mercato non esistono elettrici o ibridi di questa categoria. Seguendo la politica green, l’amministrazione ha programmato, in autunno, la riqualificazione a led di 1.800 punti luce (spesa di 870mila euro tramite un bando provinciale), la ciclabile Santa Giulia/Pieve delle Mitria (primo lotto in estate) e l’attivazione dei servizi smart city, tra cui sensori per il rilevamento della qualità dell’aria.