Lonato, inaugurato il primo campionato di tiro al volo paralimpico

0

Il sogno del para trap è diventato realtà. Si è aperto ufficialmente giovedì 4 ottobre, a Lonato, il primo campionato del mondo di tiro a volo destinato agli atleti paralimpici. Nel centro internazionale del Concaverde, c’è stata la cerimonia inaugurale, che ha visto alternarsi sul palco: il presidente della struttura ospitante Ivan Carella, la deputata della Repubblica Italiana Giusy Versace, l’assessore allo Sport di Regione Lombardia Martina Cambiaghi, il consigliere della Provincia di Brescia Diego Peli, il sindaco di Lonato Roberto Tardani, la vicepresidente e il presidente della FITAV (Federazione Italiana Tiro A Volo) Emanuela Croce Bonomi e Luciano Rossi, infine la presidente del Comitato IPC per lo sviluppo del Para Trap e Vice Capo del Comitato Tecnico del World Shooting Para Sport Wanda Jewell.

«Ringrazio la FITAV e il Concaverde per avere organizzato e ospitato questa competizione – ha sottolineato proprio Wanda Jewell – È con grande onore che dichiaro aperta la prima coppa del mondo di para trap». «Vogliamo arrivare alle Paralimpiadi e faremo tutto ciò che è nelle nostre possibilità per raggiungere questo traguardo – ha aggiunto Luciano Rossi – Oggi si realizza un sogno in cui abbiamo creduto in molti, ma lavorato in pochi. Ora bisognerà lavorare sempre in più persone e nella stessa direzione. La nostra Federazione è assolutamente orgogliosa di quanto è riuscita a realizzare. Ringrazio, in particolare, la vice presidente Emanuela Croce Bonomi, che per prima ha accettato questa sfida e s’è impegnata in prima persona per il futuro di questo sport nel mondo».

A precedere la cerimonia di inaugurazione, si è tenuta la presentazione del libro «Wondergiusy» dell’atleta paralimpica e madrina dell’evento Giusy Versace, che ha intrattenuto il pubblico raccontando la storia che l’ha ispirata a scrivere: «Lo sport sa regalare grande energia e l’ho sperimentato personalmente – ha ricordato la scrittrice,
che si è poi cimentata nello sbriciolare il suo primo piattello – Divertitevi e godetevi la vita».

Al termine della cerimonia, i bambini presenti hanno consegnato un tagliando con il proprio nome a ciascuno degli atleti in gara, diventandone così la mascotte portafortuna. In occasione delle finali di sabato pomeriggio, i bambini saranno nuovamente presenti per accompagnare i propri beniamini in pedana e, in caso di piazzamento, anche sul podio. Il tutto è stato allietato dalla minibanda di Lonato, che ha intonato l’inno azzurro davanti ai presenti. Finiti allenamenti e festeggiamenti, domani sarà gara vera, con i primi 75 piattelli. Apice della competizione saranno le finali per categoria di sabato 6 ottobre, a partire dalle 15, che potranno essere ammirate direttamente dalla platea del Concaverde di Lonato e che saranno, in serata, trasmesse da Rai Sport. Per i colori azzurri si batteranno: Oreste Lai, Davide Fedrigucci e Omar Redaelli per la categoria SG-S (atleti su sedia a rotelle); Francesco Nespeca, Paolo Bortolin ed Emilio Poli per la classe SG-U (atleti con menomazioni agli arti superiori); infine Saverio Cuciti, Alessandro Spagnoli e Raffaele Talamo per quella SG-L (atleti con impedimenti agli arti inferiori).

Da ricordare sono gli eventi che si terranno in parallelo alla manifestazione principale:
tra questi sottolineiamo la tavola rotonda di sabato 6, alle ore 12. Saranno presenti, oltre al Presidente della FITAV Luciano Rossi, Franco Gussalli Beretta e Lodovico Camozzi, patron di due tra gli sponsor del Campionato. Interverranno il quattro volte medagliato olimpico, nonché campione del mondo, Giovanni Pellielo, ma anche Luca Pancalli (Presidente del CIP, Comitato Italiano Paralimpico), il professore dell’università di Brescia Alberto Arenghi e il presidente di Icaro Luca Savardi Danesi. Successivamente, nel pomeriggio, ci sarà l’esibizione dei cani guida, a opera del Lions Club di Desenzano.