Nave, 35enne scomparsa: indagini su relazioni e tabulati telefonici

0

Passati undici giorni dalla scomparsa di Manuela Bailo, la 35enne di Nave, le indagini non si sono fermata e vengono esaminate più piste. Quella che si sta percorrendo con più insistenza – come riferisce il Giornale di Brescia – riguarda le relazioni passate e presenti di Manuela. “Non brancoliamo nel buoi”, assicura chi sta lavorando al caso, coordinato dal sostituto procuratore Carlo Milanesi.

Dopo essere stata affissa la foto della 35enne in tutti i posti della frontiera terrestre, marittima ed aerea, le forze dell’ordine stanno analizzando tutte le immagini delle telecamere di videosorveglianza installate a Nave e Bovezzo verso Brescia. Peccato che alcuni impianti, certificati dall’Autorità della privacy, prevedono la cancellazione delle riprese entro poche ore. Intanto, proseguono anche i controlli sui tabulati telefonici di Manuela, ma anche di chi potrebbe averla frequentata nelle ore successive alla sua scomparsa.

Se si scoprisse una sovrapposizione, per luogo e tempo, tra le celle agganciate dal cellulare della 35enne e quelle agganciate da uno dei suoi contatti, l’indagine potrebbe avere una svolta. Infine, l’ipotesi che gli ultimi messaggi spediti dal cellulare della Bailo siano stati scritti da qualcun altro è ancora molto viva.