Brescia, “Svelare l’Arte. Opere restituite” al Santa Giulia

0

Giovedì 17 maggio alle 18.00, presso l’Auditorium di Santa Giulia a Brescia, prende il via il ciclo di incontri “Svelare l’arte. Opere restituite”.

La riapertura della Pinacoteca Tosio Martinengo è stata preceduta da una importante campagna di restauri, che ha interessato una quindicina di opere. Ora che i dipinti e le sculture sono esposti nelle sale del Museo, è il momento di svelare i retroscena di questi interventi, affidando il racconto alla viva voce di chi ha lavorato sui dipinti e sulle sculture e ha potuto così approfondirne la conoscenza. Esistono infatti due modi diversi di considerare il restauro: uno è più legato alla tradizione artigianale, l’altro che fa del restauratore un ricercatore capace di utilizzare strumenti sofisticati e di indagare le peculiarità dei manufatti, a cominciare da quelle tecnico-esecutive. Una fusione, quindi, tra competenze artistiche e rigore scientifico.

Questo il calendario degli appuntamenti:

17 maggio, ore 18.00 – Auditorium Santa Giulia, via Piamarta 4
Sculture e dipinti tra Sette e Ottocento: Francesco Londonio, Angelica Kauffmann, Andrea Appiani e il Laocoonte di Luigi Ferrari.

Intervengono:
Alessia Bonali, restauratrice;
Angelo Loda, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le provincie di Bergamo e Brescia; Massimiliano Lombardi, restauratore;
Luisa Marchetti, restauratrice.
Introduce: Roberta D’Adda

24 maggio, ore 18.00 – Museo di Santa Giulia, White Room
Maestri del Cinquecento: da Andrea Solario a Pietro Marone, attraverso due capolavori di Moretto.

31 maggio, ore 18.00 – Museo di Santa Giulia, White Room
Focus su Vincenzo Foppa: le tavole del polittico di Chiesanuova, la Pala dei mercanti e lo Stendardo di Orzinuovi.

7 giugno, ore 18.00 – Auditorium Santa Giulia, via Piamarta 4
Il Ritratto equestre di Pietro Ricchi

Lascia un commento