Isorella, finti poliziotti e tecnici: ancora truffe ad anziani

0

Dopo il caso di Manerbio, anche nella Bassa Bresciana si sono verificati episodi di truffa ai danni di anziani che, fidandosi di alcuni individui, hanno aperto loro la porta di casa. La situazione è sempre la stessa: un finto agente di Polizia Locale si presenta, insieme a un finto addetto dell’acqua, davanti alla casa dell’anziano, dicendo che c’è da sistemare fantomatiche perdite o contaminazioni.

E così è capitato anche a Ghedi, dove la coppia di malviventi è riuscita a derubare una signora. Altro caso si è verificato a Bagnolo Mella. I criminali agiscono usando una sostanza che stordisce le vittime, così da poter sfruttare quegli attimi per depredare. Il caso più recente – di cui ne dà notizia il Giornale di Brescia – è accaduto a Isorella mercoledì 21 marzo, quando una signora di 92 anni, contando sulla distinta presenza della persona che si è trovata davanti, lo ha fatto entrare in casa.

Il truffatore, presentatosi come un addetto, dopo essersi recato in bagno, con destrezza ha poi raggiunto la cucina, rubando 500 euro in contanti. Infine, è fuggito. L’anziana ha così chiesto aiuto all’esterno e in qualche modo è stato contattato il suo nipote. La 92enne ha denunciato l’episodio ai carabinieri di Montichiari e a quelli di Isoerlla, i quali hanno avviato le indagini.