Brescia, chiesto pizzo con moneta elettronica a negozi

0

Sotto le saracinesche dei negozi in via Tofane e via Monte Cengio a Brescia, sono stati trovati dei messaggi che chiedono un pizzo di 50 euro al mese. Scritti al computer, sono stati lasciati da ignoti nella notte di martedì 17 ottobre.

Il messaggio specifica che il pagamento dovrà essere effettuato con un codice per l’acquisto di bitcoins, moneta elettronica difficile da rintracciare, scelta molte volte per transazioni illegali. In caso di mancato pagamento, la minaccia è quella del danneggiamento dei locali.