Basket, Germani sconfitta nel “Ferrari”. Finali stasera e domani

0

Germani Basket Brescia-Stelmet Zielona Gora 83-91 (17-15, 50-48, 63-70)

Germani Basket Brescia: Moore 8, Hunt 6, L. Vitali 5, Landry 26, Mastellari 6, Thioune ne, Veronesi ne , Fall 8, Traini 5, M.Vitali 9, Sacchetti 9, Bushati 1. All. Diana.
Stelmet Zielona Gora: Florence 19, Taylor, Moore 4, Matczak 10, Mokros 8, Savovic 20, Dragicevic 12, Zamojski 5, Hrycaniuk 4, Koszarek 9. All. Gronek.
Arbitri: Terranova, Saraceni e Tallon.

La Germani Basket Brescia cede il passo allo Stelmet Zielona Gora nella seconda semifinale del Trofeo Roberto Ferrari al PalaGeorge di Montichiari. Contro la formazione campione di Polonia, che quest’anno disputerà la Champions League, la Leonessa combatte fino alla fine, rimanendo in partita fino al 40′ in una gara fatta di sorpassi e controsorpassi. Nonostante una ripresa giocata senza Hunt, fermo ai box per problemi intestinali, il migliore è Landry (26 punti), ma i polacchi si confermano squadra solida, con due individualità su tutti (Savovic 20 punti, Florence 19) e con un collettivo di tutto rispetto.

E l’allungo finale, sigillato dai canestri di Dragicevic e Koszarek, è fatale alle ambizioni di Brescia che domani, domenica 24 settembre alle 18,30, disputerà la finale per il 3° e 4° posto contro la Virtus Segafredo Bologna, sconfitta nella prima semifinale dalla Openjobmetis Varese con il punteggio di 89-85. Sin dalle prime battute lo Stelmet si conferma squadra tosta, prestante fisicamente e ben organizzata. La Leonessa, però, tiene testa agli avversari minuto dopo minuto, mantenendo spesso le redini del match. Nessuna delle due squadre, però, riesce a prendere il sopravvento, tanto che i primi due quarti terminano con uno scarto minimo, sempre a vantaggio dei padroni di casa.

In una ripresa giocata da Brescia senza Hunt, i polacchi alzano il tenore delle loro giocate e provano un paio di volte l’allungo, trovando una Germani sempre pronta alla risposta. Florence e Savovic colpiscono con continuità, Landry sistema la mira e tiene in scia la sua squadra. Il finale, però, è a tinte biancoverdi, con lo Zielona Gora fredda e lucida nel punire la difesa dei padroni di casa, che negli ultimi due minuti di gara sono costretti a lasciare semaforo verde agli avversari. Il punteggio finale di 91-83 premia i campioni di Polonia che stasera, sabato 23 alle 20,45, disputeranno la finale contro la Pallacanestro Varese. “Durante la partita non siamo riusciti ad avere continuità nell’arco dei 40′.

Nella seconda parte del match abbiamo subito la fisicità dello Stelmet, che è una squadra molto fisica e grossa – dice coach Diana – e che ci ha messo le mani addosso, come si fa nelle competizioni europee, che loro quest’anno disputeranno. Questo ci ha fatto perdere quella fluidità che nel primo tempo ci aveva permesso di trovare buone soluzioni di tiro. Sappiamo che c’è da lavorare su questi aspetti per farci trovare più pronti contro squadre di questa fisicità. Lo stop di Dario Hunt alla fine del secondo quarto ci ha tolto un giocatore importante dalle rotazioni, ma abbiamo fatto di necessità virtù e questo è qualcosa che ci servirà anche per il futuro”.

Lascia un commento