Brescia, Centro non vedenti nel caos. Dipendenti in agitazione

0

“Le recenti linee guida redatte dalla Regione Lombardia sull’assistenza alla disabilità minorile e che hanno significativamente ridotto i livelli, in particolare in campo scolastico, stanno producendo grave pregiudizio al servizio di integrazione e inclusione scolastica fino ad oggi offerto sul territorio bresciano dal Centro non vedenti, che da oltre 40 anni garantisce interventi professionali e dedicati ad alunni e studenti non vedenti.

Il caos che si sta generando, con pesanti variazioni procedurali e notevole pregiudizio al finanziamento del Centro – si legge in una nota della Fp Cisl e Cgil – provoca grande disorientamento tra le famiglie degli utenti e grande preoccupazione per i posti di lavoro dei 32 operatori dipendenti del Centro che hanno proclamato lo stato di agitazione”. Sabato 16 settembre, proprio al complesso di via Sant’Antonio, verranno presentate le ragioni della mobilitazione.

Vista la situazione, sono stati convocati il presidente del Centro non vedenti, i consiglieri regionali bresciani, il presidente della Provincia di Brescia, il sindaco, il presidente dell’Associazione Comuni Bresciani, il dirigente dell’ufficio scolastico territoriale e i genitori degli studenti. Ci saranno anche testimonianze del personale, degli stessi genitori e degli insegnanti. “È un grave momento per un servizio che, seppur di ‘nicchia’, ha finora garantito l’esercizio del diritto costituzionale all’istruzione a una fragile porzione di cittadini”.