Vaccini obbligatori, alcuni bambini non iniziano la scuola

0

Martedì 12 settembre è stato il giorno del rientro a scuola degli studenti, ma non per tutti, visto che alcuni, all’asilo, si sono presentati senza vaccinazione. Infatti, dopo il decreto del ministero della Salute che rende i vaccini obbligatori, chiunque non porti una certificazione che attesti di averli fatti, oppure un documento che confermi l’intenzione di volerli fare, non può entrare a scuola.

In alcuni casi, è stato necessario l’intervento dei carabinieri quando vari genitori hanno visto rifiutato l’ingresso ai propri figli perché non vaccinati. Nel bresciano, 5.690 sono i bambini nati nel 2001 e che non hanno mai eseguito nessun vaccino, mentre 15mila sono quelli che hanno saltato i richiami.

Dei bambini sono così rimasti a casa, come è successo nelle materne di Lamarmora e Folzano. Intanto, la Regione Lombardia ha prorogato la scadenza per le vaccinazioni di 40 giorni, anche per aiutare i molti genitori stranieri che non erano stati informati o non si erano tenuti aggiornati sulla nuove normative. La scadenza è fissata al 31 ottobre.