Lonato, finti ristoratori comprano vini con assegno scoperto

0

Il commissariato di polizia di Desenzano del Garda ha denunciato tre italiani e un albanese a piede libero per truffa verso alcune aziende vitivinicole della zona. I tre bergamaschi e un bresciano sono un 48enne residente a Romano di Lombardia, una donna di 37 anni di Monasterolo del Castello, un’altra donna di Romano e un 52enne albanese di Borgo San Giacomo. Tutti hanno precedenti per reati contro il patrimonio.

L’indagine è partita da una denuncia presentata dal titolare di un’azienda di Lonato che ha riferito di aver subito una truffa da parte di sconosciuti. Tre di loro, due uomini e una donna, si sono presentati fingendo di essere i proprietari di un ristorante di Romano di Lombardia – all’oscuro della vicenda – e hanno comprato centinaia di confezioni di vino per un valore di diverse migliaia di euro, pagandole con un assegno.

Ma il documento, intestato a un marocchino irreperibile, è poi risultato essere scoperto. I primi accertamenti hanno verificato che il ristorante bergamasco esiste ed i gestori non sapevano nulla della vicenda. Le indagini hanno permesso di risalire agli autori della truffa ed è anche emerso che il gruppo aveva praticato altri raggiri simili verso le aziende di vini del Garda per poi rivendere le bottiglie sul mercato clandestino e a prezzi inferiori.