Desenzano, lungolago franato, doppio esposto del Codacons

0

Paura, ma anche polemiche a Desenzano del Garda dove in una notte circa 20 metri di lunghezza della banchina sul lungolago, di fronte a piazza Matteotti, sono sprofondati nel Benaco. La frana segue l’episodio del 16 agosto scorso quando una parte del basamento in pietra si era distaccato, inducendo il Comune a interdire il traffico ai veicoli.

Mentre ora a separare i cittadini e turisti dalla sponda del lago ci sono le transenne come misura di sicurezza. Per fortuna non si sono registrati feriti proprio per la presenza dei presidi, mentre lunedì sono attesi i funzionari dell’Autorità di Bacino per decidere il da farsi. Quindi, capire cosa è successo e la nuova progettazione per ricostruire la banchina del lungolago. Lo strascico polemico arriva dal Codacons che ha deciso di presentare un esposto alla procura di Brescia e alla Corte dei Conti.

“Il fatto è di assoluta rilevanza, in primis perché veniva messa a repentaglio la salute delle persone, in secundis perché mostra come la manutenzione non sia avvenuta per tempo e in maniera efficace – dice l’associazione – sia fatta luce sulle reali somme utilizzate per la manutenzione del lungolago. E’ un patrimonio italiano che va curato e difeso, per questo è importante conoscere nel dettaglio come vengano investite le somme destinate alla manutenzione e che tipo di controlli tecnici vengano eseguiti periodicamente”.