Sirmione e Desenzano, arrestati due “topi” d’appartamento

0

Nelle ultime ore i carabinieri della compagnia di Desenzano del Garda sono stati impegnati in alcune operazioni per fermare i “topi” d’appartamento. Il primo episodio è stato sabato sera in via Ortigara a Sirmione dove un 27enne, M. R. G. rumeno e senza fissa dimora, si è introdotto in una casa approfittando della porta-finestra lasciata aperta al piano terra. Rovistando, ha preso un portafoglio e un orologio di pregio.

Ma poi è stato sorpreso dal proprietario ed è scappato. Dopo la tempestiva e dettagliata segnalazione del giovane, è intervenuta una pattuglia di Sirmione che ha rintracciato, catturato e arrestato il ladro. Oltre al portafoglio e all’orologio è stato trovato anche il bottino legato a un altro furto commesso due giorni prima. Il giovane ha trascorso due notti in cella e il giudice gli ha convalidato l’arresto disponendo il divieto di permanenza nel bresciano.

La scorsa notte, invece, intorno alle 3, in via Marchesini a Desenzano un trentenne, A. K. O. marocchino, ha rotto il vetro una porta-finestra di un magazzino usato come laboratorio annesso all’abitazione. Anche in questo caso il malvivente è stato sorpreso dal proprietario dopo aver provocato alcuni rumori.

Il giovane ha tentato di fuggire, ma i carabinieri e il commissariato di polizia lo hanno fermato e arrestato dopo averlo inseguito per un chilometro e mezzo tra cancelli da scavalcare. E’ accusato anche di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Ha trascorso una notte in cella e stamattina si è visto convalidare l’arresto ricevendo una condanna di 1 anno e sei mesi e una multa di 600 euro.

Lascia un commento