Montichiari, tartarughe e uova protette in casa. Un denunciato

0

Ieri i carabinieri del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale del gruppo di Brescia con quelli della Forestale cittadina hanno eseguito un sequestro di numerosi esemplari di tartarughe terrestri e uova vicine a schiudersi. Tutte detenute illegalmente in un’abitazione a Montichiari.

Il controllo è stato attivato per contrastare il commercio e il prelievo in natura di esemplari ormai prossimi all’estinzione. I carabinieri si sono trovati di fronte a un vero e proprio allevamento abusivo realizzato dall’inquilino, ora denunciato alla procura di Brescia per detenzione di esemplari di specie incluse nell’allegato A della normativa CITES che riguarda proprio le specie animali e floreali in via di estinzione.

Gli animali trovati, tutti di dubbia provenienza, venivano utilizzati come riproduttori nonostante non ci fosse alcuna documentazione. Sono stati posti sotto sequestro un centinaio di esemplari vivi di testuggini terrestri di età dai pochi giorni fino a circa 60 anni e quaranta uova raccolte e fatte schiudere in un’incubatrice artigianale. In base alla temperatura di incubazione, infatti, una piccola variazione di pochi gradi determina la nascita del sesso maschile con una temperatura più alta o femminile con una più bassa.

Lascia un commento