Padenghe, sport e gite per bambini sono alternativa al grest

0

L’assessorato ai Servizi sociali del Comune di Padenghe sul Garda organizza da tempo un progetto innovativo nato dieci anni fa per avvicinare ai diversi sport i bambini e i ragazzi durante il periodo delle vacanze estive. Si svolge all’oratorio come un grest, ma è diverso tra attività e risorse umane. L’idea era nata dalla constatazione che i bambini, durante l’inverno, si concentrano su pochi sport, calcio in primis, trascurando altre attività offerte sul territorio.

Insieme alla necessità di fornire un servizio estivo alle famiglie, una volta terminate le scuole, si è prodotto il modello Junior Camp che negli anni si è arricchito di nuove iniziative e proposte anche culturali adatte alle età degli utenti. Per gli sport ci si avvale in gran parte di istruttori della polisportiva G.B. Vighenzi, realtà con la quale il Comune collabora da tempo. Il pacchetto viene però arricchito con specialità legate all’acqua, vista la presenza del lago, come SUP e vela.

Oltre alla piscina, vengono organizzate uscite didattiche ai castelli, archeo park e gite ambientali per conoscere il territorio circostante. Bene anche chef e danze di vario genere. Il progetto include anche momenti educativi come l’uso appropriato dei social e da quest’anno il divieto di uso dei cellulari, in forma preventiva per evitare eccessi e comunicazioni virtuali continue e inutili. Poi le figure educative e controllo dei partecipanti. Viene incaricata una figura responsabile di tutta l’iniziativa con uno staff di educatori professionali con un gruppo di 20/25 ragazzi divisi per età.

Ogni gruppo può contare su 3-4 animatori maggiorenni e selezionati. La struttura assicura la sicurezza nelle attività e prestazioni professionali di livello che permettono di qualificare gli interventi. “Il format del progetto ha riscosso notevole successo, lo dimostra l’incremento costante dei partecipanti (150) che va oltre i residenti e si è esteso ai comuni limitrofi – dice il sindaco Patrizia Avanzini.- Siamo stati costretti a mettere dei limiti perché riteniamo imprescindibile garantire qualità e sicurezza nel servizio offerto.

Siamo orgogliosi di aver ideato un grest alternativo, in grado di offrire un servizio di qualità alle famiglie per un periodo che dalla fine della scuola arriva a coprire tutto il mese di luglio. I punti di forza dell’iniziativa sono tanti, sicuramente il principale, a mio parere, risulta essere la varietà delle attività offerte in un contesto non competitivo ma educativo e aggregativo”.