Sonico, aperta inchiesta sull’ultraleggero precipitato

0

Arrivano notizie in merito ai due turisti belgi che nel pomeriggio del 20 giugno sono precipitati a bordo di un ultraleggero in alta Valcamonica. Uno aveva 51 anni e l’altro 49, mentre non si conoscono ancora i loro nomi.

Stando alle informazioni, pare che i due siano morti sul colpo, poiché sono stati trovati ancora con le cinture allacciate. Partiti dalla base aerea di Samolaco, provincia di Sondirio, dove aveva fatto scalo, il velivolo avrebbe dovuto poi raggiungere il lago di Garda. Purtroppo, però, aveva fatto perdere le proprie tracce tra Edolo e Sonico. Solo martedì alle 17, un mezzo dell’aeronautica militare in perlustrazione lo ha avvistato in un canalone.

Il recupero dei corpi è stato effettuato dai tecnici della V Delegazione bresciana del corpo nazionale di soccorso alpino e speleologico, con la Guardia di Finanza di Edolo e i Carabinieri della compagnia di Breno ed Edolo, utilizzando un elicottero da Sondrio. Ora, è stata aperta un’inchiesta per ricostruire la dinamica che ha portato alla tragedia.