Villongo, perseguitata da uno stalker, lo uccide accidentalmente

0

Nella mattinata di lunedì 19 giugno, a Villongo, una donna ha investito accidentalmente un uomo che conosceva da anni e che pare la perseguitasse da tempo. Il giorno seguente sono emersi nuovi dettagli riguardo all’accaduto: l’uomo è il 43enne albanese Agrou Bashmeta, in Italia dal 1995, sposato con due figli, mentre la donna è la 44enne Donatella Chiari, dipendente della biblioteca del paese bergamasco, dopo essere stata agente della polizia locale all’Ufficio tributi.

I due si conoscevano da anni, quando la donna aveva aiutato l’albanese con una multa, diventando molto amici. Però, pare, che per lui ci fosse qualcosa in più tra di loro, tanto che aveva iniziato a perseguitarla come uno stalker. La donna ha detto ai militari d’essere sempre riuscita a tenerlo a bada, ma la situazione è peggiorata nella serata di domenica 18 giugno. Infatti, il 43enne le aveva mandato minacce di morte sul cellulare e poi l’aveva inseguita e speronata in auto, a bordo della quale c’era anche il figlio.

Così, domenica sera, la 44enne ha avvistato i carabinieri di Chiari, suo paese di residenza. Gli agenti avevano convocato l’albanese in caserma per vietargli di avvicinarsi alla donna, ma poi il dramma. La mattina di lunedì, il 43enne si presenta al parcheggio davanti alla biblioteca di Villongo, armato di un coltello, e quando arriva Donatella la insegue ferendola a un braccio. Infine, la donna riesce a risalire in auto e chiudersi dentro, mentre l’uomo spacca uno specchietto. A quel punto, pare che la donna abbia acceso la vettura e, facendo una manovra per fuggire, senza accorgersene, abbia investito a morte lo stalker.

Questa la versione che la 44enne ha dato al sostituto procuratore. Su di lei non è stata aperta nessuna indagine e per l’albanese, che in passato era finito in guai per droga, è già stato dato il nulla osta alla sepoltura. Anche la donna, nel 2006 a Chiari, era stata accusata, insieme a una collega, per aver manomesso un sistema elettronico sulle ore di lavoro.

Lascia un commento