Lombardia, dieci giorni di “Cammina Foreste” nel bresciano

0

Prosegue in provincia di Brescia la “CamminaForesteLombardia 2017”, l’iniziativa che Ersaf organizza nell’Anno internazionale del Turismo Sostenibile per far conoscere e promuovere le venti foreste regionali e il Parco dello Stelvio: 42 giornate di cammino e 48 tappe per un totale di circa 700 km dall’11 giugno al 22 luglio attraverso il territorio lombardo. La carovana che ha preso le mosse oggi, sabato 10 giugno, dalla provincia di Mantova, da lunedì 12 a mercoledì 21 sarà sul territorio bresciano con diverse tappe. Lunedì da Bigarello (Mn) in bicicletta verso il lago di Garda, attraversamento in traghetto e risalita a Gargnano.

Il 13 da Gargnano a Prabione Tignale, il 14 da Prabione Tignale ai Prati di Rest, il 15 dai Prati di Rest al rifugio Monte Stino e il 16 dal Monte Stino fino al Ponte Caffaro. Poi il 17 dal Ponte Caffaro a Bagolino, il 18 da Bagolino alla Malga Vaia di Mezzo, il 19 dalla Malga Vaia di Mezzo ad Alpe Rosello, il 20 giugno da Alpe Rosello al rifugio Medelet e il 21 dal rifugio Medelet a Lovere sbucando nella provincia di Bergamo. Sul Garda e in Valsabbia sono anche previsti numerosi eventi collaterali per animare le giornate. Lunedì 12 a Gargnano, nella Sala Castellani, alle 21 sarà proiettato il cortometraggio “Il suono del mio passo” di Mario Piavoli girato nell’area Wilderness Val di Vesta. L’inquadramento territoriale è di Paolo Nastasio di Ersaf e seguirà una conversazione con il regista.

Martedì 13 la tappa 3 da Gargnano a Tignale, con alle 8 la partenza da Gargnano e alle 8,30 una visita guidata alla limonaia “La Malora” (ingresso 2,50 euro con degustazione di bibita al cedro). Alle 10 una visita guidata alla Chiesa romanica di San Giacomo (ingresso libero), alle 15 l’arrivo a Tignale e una merenda offerta da Oleificio Biologico Tignale. Alle 16 si può rientrare da Tignale a Gargnano con l’autobus di linea. Sempre alle 16 al museo del Parco Alto Garda Bresciano, in località Prabione, ci sarà un incontro tematico verso il libro verde delle foreste “Foreste, Riserve, Aree Protette: a tutela della biodiversità”. A seguire una degustazione di prodotti locali con Oleifico Biologico Tignale e alle 21 lo spettacolo teatrale “Con il cielo e le selve” di Mario Rigoni Stern e con Pino Pettruzzelli.

Mercoledì 14 la quarta tappa da Tignale a Cima Rest con la partenza alle 8 da Tignale, alle 8,30 una visita al punto informativo “Life” di Cascina Puria Nuova e alle 12,30 una grigliata in compagnia con l’Azienda Speciale Tignale Servizi. Alle 16 una visita al Museo Etnografico di Cima Rest. Giovedì 15 la tappa 5 da Cima Rest a Rifugio Monte Stino con via alle 8 da Cima Rest e sosta al nucleo rurale del Fornel e Droane. Alle 12 polenta e formaggi alla Cascina Pavarì, alle 15 una visita alla segheria veneziana di Turano Valvestino, alle 17,15 una visita guidata al Museo Botanico “Don Pietro Porta” di Moerna con il Museo di Scienze Naturali di Brescia.

Venerdì 16 la sesta tappa dal Rifugio Monte Stino a Ponte Caffaro. Alle 14 una visita alla Riserva Naturale del Lago d’Idro – Baitoni (Trentino), alle 15 l’arrivo a Ponte Caffaro, alle 16 l’apertura straordinaria della Rocca d’Anfo (visita guidata di 10 euro). Sabato 17 la settima tappa da Ponte Caffaro a Bagolino e la risalita della cresta del Monte Suello. Alle 11 una sosta al Forte dell’Ora, resto della Grande Guerra, alle 12 il pranzo al Rifugio Rosa al Baremone, alle 16 l’arrivo a Bagolino e alle 21 il concerto “Vette di latte”. Domenica 18 l’ottava tappa da Bagolino all’Alpe Vaia. Alle 9,30 una visita guidata al geosito il “Chiodo d’oro” al ponte di Romanterra con il Museo di Scienze Naturali di Brescia e alle 11 la partenza da Bagolino.

Lunedì 19 la tappa 9 da Malga Vaia di Mezzo all’Alpe Rosello. Salendo dall’Alpe Vaia al crinale che delimita il territorio di Bagolino si entra nell’ambiente alpino che caratterizza il percorso. Quindi, laghetti, circhi glaciali e rocce montonate. Poi un tratto pianeggiante a 2.100 metri della panoramica strada delle Tre Valli per scendere ai Laghetti di Ravenola e raggiungere il Bivacco Grazzini e il Goletto di Cludona dove si interseca la Via dei Silter, un’alta via promossa da Ersaf con gli enti locali. Poi il Sentiero 3V per un buon tratto. Al Passo delle 7 Crocette si entra nella nella FdL Val Grigna. Al Bivacco Bassi si incontrano i “Lupi” di San Glisente, gestori della struttura Ersaf e si prosegue lungo il sentiero faunistico per visitare la Malga-museo del Silter e risalire alla Malga Rifugio Rosello.

Nella biblioteca di Gianico il pomeriggio si terrà l’incontro tematico “Dall’agricoltura di montagna: prodotti di montagna!”. Martedì 20 la decima tappa dall’Alpe Rosello al rifugio Medelet. Da Rosello si riprende il cammino lungo la Via dei Silter per andare sul sentiero 3V che si sviluppa lungo la cresta spartiacque tra la Valcamonica e Valtrompia toccando le cime del Monte Muffetto (2.062 m), Monte Campione (1.832), Colma di San Zeno (1.650) e giù al Colle San Zeno posto alla testata della Val Palot e da lì con un comodo tracciato in poco più di un’ora si raggiunge il Rifugio Medelet (1.546 metri). Mercoledì 21 giugno l’ultima tappa bresciana dal rifugio Medelet a Lovere. La mattina sarà dedicata alla discesa dal Rifugio Medelet al lago d’Iseo tra sentieri e stradine, tra cascine e piccole frazioni fino a Pisogne con una visita alle due antiche chiese.

Poi uno spostamento in pullman verso la sponda bergamasca del lago. Alle 14 da Castro di Lovere partirà l’escursione con il Cai di Lovere e l’associazione “Sebynica” per un giro del Monte Clemo e la visita guidata alla Riserva Naturale Valle del Freddo. In serata una conferenza con il Museo di Scienze Naturali di Lovere. Per informazioni e partecipare alle escursioni si può visitare il sito internet o scrivere una mail.

“CAMMINATA” (TAPPE BRESCIANE)