Brescia, simpatizzanti Isis a Canton Mombello?

0

Nella provincia di Brescia la radicalizzazione all’Isis pare non si sia verificata solo tramite internet o attraverso frequentazioni dei Paesi stranieri. Ne dà notizia Il Giorno. Infatti, ancora nell’aprile 2016 (notizia però resa nota solo il 9 giugno 2017), nel carcere di Canton Mombello sono stati rinvenuti elementi sospetti.

L’indiscrezione arriva da un 40enne, residente in Franciacorta, che aveva passato un periodo in carcere, condividendo la cella con altri cittadini italiani e stranieri. Proprio la cella era stata perquisita un paio di volte perché si sospettava ci fossero elementi legati al terrorismo. Nel secondo controllo, era stato trovato materiale appartenete da un marocchino. Tra gli oggetti c’era una guida di Parigi e una mappa del Trentino Alto Adige e alcuni ritagli di giornale con la bandiera dell’Isis.

Il 40enne, notando la situazione intorno a lui, con uomini che spesso pregavano in arabo e un altro uomo che si faceva chiamare “imam”, avrebbe chiesto e ottenuto chiesto il trasferimento. Pare, infatti, che i due elementi con cui condivideva la cella fossero radicalizzati e tentassero di coinvolgere altri detenuti.