Basket, Santoro ancora general manager Leonessa per tre anni

0

Il Basket Brescia Leonessa conferma Sandro Santoro come general manager per le prossime tre stagioni. Dal suo arrivo a Brescia, nell’estate del 2015, la Leonessa ha raggiunto la promozione in serie A fino alla salvezza di quest’anno con quattro giornate di anticipo sul termine della regular season e la semifinale di Coppa Italia.

“Dopo un attimo di riflessione seguito alla splendida stagione che abbiamo vissuto, importante dal punto di vista emotivo e dei risultati raggiunti, abbiamo deciso di proseguire il nostro percorso con Santoro – spiega la presidente Graziella Bragaglio.- Sandro è la figura che Basket Brescia ha selezionato e scelto per affrontare il futuro, la durata dell’accordo ci dà il tempo di programmare la prossima avventura del nostro club anche in previsione dell’ingresso nel nuovo PalaLeonessa.

Con Sandro abbiamo condiviso la vittoria del campionato di A2 e la stagione del ritorno in serie A, coronata dal raggiungimento degli obiettivi che ci eravamo prefissati, ma soprattutto con lui abbiamo molte idee in comune, un particolare fondamentale affinché il matrimonio lavorativo potesse continuare con grande soddisfazione da parte di tutti”.

“Sono più che soddisfatto per aver raggiunto un accordo che per me ha un grande significato, soprattutto dal punto di vista personale – commenta Santoro.- Si tratta di un segnale di grande fiducia che mi riempie di orgoglio. Con la dirigenza abbiamo avuto un confronto serrato, mettendo sul tavolo tutte le problematiche che abbiamo affrontato quest’anno allo scopo di inquadrare la strada da percorrere nel futuro. Brescia sta compiendo un percorso ben legato alla realtà in cui si muove: siamo consapevoli di aver fatto fino a oggi il massimo rispetto alle nostre potenzialità economiche, che non sono illimitate e sono legate a quell’oculatezza nel controllo dei costi necessaria per cercare di guadagnarsi una continuità indispensabile per un progetto che ha tutto per continuare a crescere anno dopo anno.

Ora andiamo spediti nell’affrontare quello che c’è da fare, anche se in questo periodo non siamo certo stati con le mani in mano, ma abbiamo continuato a lavorare con la speranza e la fiducia di poter continuare questo percorso insieme”. Sandro Santoro, classe 1965, ha alle spalle una lunga carriera da giocatore. Pugliese di nascita, sul parquet si consacra ad alti livelli nella Viola Reggio Calabria, di cui diventa una bandiera, con 337 partite disputate tra serie A e A2 in dodici stagioni di permanenza.

Dopo aver chiuso la propria carriera da giocatore con la maglia della Progresso Castelmaggiore, inizia la parentesi da dirigente a Reggio Calabria, ricoprendo nel tempo i ruoli di direttore sportivo, consulente tecnico, general manager e amministratore unico e diventando vice presidente della GIBA (sindacato dei giocatori) dal 1999 al 2001. Nel 2008 diventa general manager dell’Igea Basket Barcellona dove rimane per quatto stagioni. Dal 2012 al 2014 ricopre lo stesso ruolo nella Sutor Montegranaro, poi nell’estate del 2014 si trasferisce a Mantova, dove resta per una stagione. Nell’estate del 2015, infatti, arriva la chiamata del Basket Brescia.