Brescia, latitante mafiosa ucraina arrestata. E’ in carcere

0

Ieri la Polizia di Stato di Brescia ha arrestato una donna ucraina di 36 anni per eseguire un ordine di carcerazione della procura di Napoli. La donna è accusata di aver fatto parte di un’associazione criminale mafiosa ucraina, finalizzata all’estorsione, all’importazione di armi comuni da sparo e alla falsificazione, introduzione e spendita di monete nello Stato.

Era già stata sottoposta nel 2006 a un fermo dopo un’indagine condotta dai carabinieri di Aversa e in seguito scarcerata. In passato aveva partecipato ad alcune rapine anche con armi da fuoco. Sempre nel 2006, poco dopo la sua scarcerazione, con un italiano di origini napoletane aveva partecipato all’assalto di un furgone condotto da un ucraino. Dopo la reazione dell’autista, i due gli avevano sparato.

Ma l’aggredito era riuscito a disarmare gli aggressori e li aveva consegnati alla giustizia. Nel 2015, dopo una condanna definitiva a 4 anni per associazione di tipo mafioso, era stato emesso l’ordine di carcerazione al quale la donna si è sottratta per oltre due anni. Ieri la 36enne, con un’attività investigativa condotta dalla Squadra Mobile, è stata rintracciata e portata nel carcere di Verziano.