Violenza sessuale nel Parco di Chiari, condannati a 5 anni i tre stranieri

0

I tre stranieri richiedenti asilo che, stando gli inquirenti, avevano costretto a atti sessuali una 22enne nel Parco della Rogge di Chiari, la sera del 10 ottobre 2016, sono stati condannati a 5 anni. La decisione arriva nella mattina di giovedì 11 maggio dal Tribunale di Brescia. I tre hanno 24, 25 e 27 anni.

Come lei stessa ha raccontato ai carabinieri, la ragazza, a passeggio con il proprio cane, sarebbe stata avvicinata dai tre stranieri. Prima la richiesta dell’accendino e poi di fare sesso. Infine, trascinata per un braccio, l’avevano portata nel parco dove si è consumato l’abuso. Prima di fuggire, i tre, le avrebbero gettato alcune banconote. Questa la versione del sostituto procuratore Ambrogio Cassiani, che aveva chiesto 6 anni per gli aggressori.

Diversa la versione dell’avvocato di due di loro. Infatti, i ragazzi credevano si trattasse di una prostituta, che avesse concordato un rapporto con la terza persona. Tanto che, alla fine del rapporto, la 22enne avrebbe preteso il denaro, lasciato poi il suo numero di telefono sul cellulare di uno degli stranieri. Il giudice, però, ha respinto tale versione e accolto quella della vittima.

I tre richiedenti asilo, in quel periodo, erano ospitati dentro alcune case a Chiari e Castrezzato per opera delle cooperative che si dedicano all’accoglienza. I difensori degli imputati hanno già annunciato il ricorso in appello. Comunque, il trio, dopo aver scontato la pena, sarà espulso dell’Italia così come stabilito in primo grado.