Le attività promosse dal Centro Studi e Ricerche Serafino Zani di Lumezzane

0

Nel Bresciano hanno luogo numerose serate astronomiche pubbliche. Nel periodo estivo aumentano di numero perché oltre a quelle che si svolgono tutto l’anno alla Specola Cidnea del Castello di Brescia (ogni venerdì alle ore 21), si aggiungono quelle dell’Osservatorio Serafino Zani (ogni sabato, escluso l’ultimo sabato del mese).

La principale attività estiva è lo stage di fotografia astronomica accessibile a tutti, ma i posti sono limitati. Non occorre essere degli astrofili per partecipare all’iniziativa. Le lezioni introduttive sono rivolte ai principianti della scienza del cielo. Lo stage avrà luogo dal 28 al 30 luglio. Dopo la serata del venerdì le lezioni proseguiranno nei due pomeriggi e nelle due serate seguenti. Le fotografie, in formato digitale, di ammassi stellari, nebulose e galassie saranno il frutto delle tre lunghe notti passate a guardare il cielo. Durante lo stage verranno descritte le tecniche di ricerca che consentono agli astrofili di scoprire nuovi asteroidi o di pilotare il telescopio in remoto, anche dalla propria abitazione. Il programma dello stage è pubblicato sul sito astrofilibresciani.it dove sono indicate le modalità per iscriversi.

A CIELO NUDO…D’ARTISTA
La mostra “A cielo nudo” – Gli astri con l’occhio d’artista” prende spunto dai corpi e dai fenomeni celesti visibili ad occhio nudo. A questi astri e a questi eventi si sono ispirati gli artisti che espongono le loro opere nell’allestimento di “Arte e astronomia” organizzato dall’Osservatorio astronomico Serafino Zani (Lumezzane, Brescia). La mostra, giunta alla terza edizione, contiene le opere di Deneb Arici e Cecilia Guastaroba. L’inaugurazione di quest’anno coincide con un laboratorio di “Space art” condotto da Deneb Arici e con la “Festa del Solstizio” a cura di Claudio Bontempi.

E’ possibile visionare la raccolta delle opere delle edizioni precedenti attraverso la proiezione power point disponibile sul sito www.tesorivicini.it/mostra-a-cielo-nudo-2016/. Le opere sono disponibili anche per mostre in altre sedi. Gli enti interessati possono scrivere a:osservatorio@serafinozani.it