Sesso con ragazzino 11enne, regista bresciano patteggia

0

Giovedì 4 maggio, al tribunale di Ravenna, si è chiuso il processo che vedeva il regista bresciano Giuseppe Lazzari accusato di aver avuto rapporti sessuali con un 11enne. Arrestato martedì 9 agosto 2016 per presunte prestazioni sessuali con il ragazzino conosciuto durante un casting del suo film, l’imputato ha patteggiato una pena a due anni di reclusione.

Stando al pubblico ministero di Ravenna Angela Scorza, il regista avrebbe incontrato l’11enne tre volte nel giro di due settimane, tra Ravenna e Brescia nel 2015. Infatti, proprio nella città romagnola, Lazzari, convincendo i genitori, aveva potato il ragazzino con la scusa di una gara di tiro utile per le riprese. Lì, ci sarebbe stato il primo atto sessuale. Poi, le altre volte, nella casa e studio del regista.

A denunciare la situazione ci aveva pensato la madre della vittima, insospettita dopo aver letto alcuni messaggi arrivati sul cellulare del figlio e vari regali da parte di Lazzari. A quest’ultimo erano stati poi concessi i domiciliari. Dichiarandosi sempre innocente, il regista si difendeva affermando che era stata proprio la madre a spingere l’11enne verso quell’esperienza cinematografica. Gli inquirenti, però, hanno accertato un’altra versione, quella del ragazzino. Infine, giovedì il giudice ha accettato la richiesta di patteggiamento accordata tra la procura e l’imputato.