Brescia, nigeriana soccorsa partorisce un feto morto

0

Nella serata di martedì 2 maggio, l’attenzione di una pattuglia dei carabinieri è stata catturata da una ragazza nigeriana di 20 anni, in via San Faustino a Brescia. Infatti, la giovane, intorno alle 23, si è sbracciata per attirare l’auto con a bordo gli agenti. Accusava, infatti, forti dolori al ventre, in quanto era al quinto mese di gravidanza e aveva avuto un aborto spontaneo. Ne dà notizia il Bresciaoggi.

Accorgendosi della gravità della situazione, le forze dell’ordine hanno chiamato l’ambulanza che ha portato la ragazza all’ospedale. Qui, ha dato alla luce una bambina ormai priva di vita. Quando la 20enne si sentirà meglio verrà ascoltata dai carabinieri per dare loro la versione dei fatti, spiegando anche il motivo per cui si trovava da sola in strada, nella zona del Carmine, in tarda serata.

La nigeriana è risultata essere richiedente asilo a livello umanitario. Gli agenti vogliono scoprire chi sarebbe stato i padre della figlie e se l’africana fosse stata coinvolta in un giro di prostituzione. Domande che dovranno trovare una risposta.