Lombardia, aumenta la richiesta di prestiti personali

0

In Lombardia cresce il ricorso ai prestiti personali, chiaro sintomo di migliori livelli occupazionali e maggiore fiducia nel futuro. I dati arrivano dall’osservatorio condotto da Facile.it e Prestiti.it in relazione alle richieste di credito al consumo presentate in Regione nel primo trimestre del 2017. Secondo quanto rilevato dallo studio, il prestito medio chiesto in Lombardia nel periodo è pari a poco meno di 12.100 euro, cioé il 12% in più del valore registrato un anno fa.

Chi chiede un prestito in Lombardia ha, sempre in media, uno stipendio pari a 1.940 euro, un’età di 40 anni all’atto della presentazione della domanda e intende restituire il finanziamento in 67 rate, vale a dire circa cinque anni e mezzo. Facile.it e Prestiti.it hanno approfondito l’indagine anche a livello provinciale. Sebbene Milano origini oltre il 42% delle richieste di credito al consumo lombarde e possa contare sugli stipendi più alti di tutta la regione (2.275 euro), non è da qui che arrivano quelle di importo maggiore che, invece, sono compilate nella provincia di Sondrio, dove il valore medio del prestito sale a 14.053 euro.

Al secondo posto nella classifica degli importi richiesti alle finanziarie si piazza Como con 13.842 euro che precede Bergamo, terza con 13.713 euro. Sono comunque sopra la media nazionale (12.147 euro) anche Mantova (13.252 euro), Cremona (12.958 euro), Pavia (12.910 euro), Varese (12.458 euro) e Lodi (12.162 euro). Gli importi più contenuti sono chiesti a Brescia (10.990 euro la media) e, a seguire, nelle province di Monza e Brianza (11.358 euro), Milano (11.523 euro) e Lecco (11.983 euro). I lombardi che impiegheranno più tempo per restituire il loro prestito sono i bergamaschi e i mantovani che rientreranno del finanziamento dopo 72 mensilità, una in più di quelle necessarie ai comaschi e due in più di quelle che occorreranno a lodigiani e varesini.

Tra i motivi per i quali si chiede un prestito, al primo posto, con il 19,4% delle richieste c’è l’ottenimento di liquidità per la quale l’importo medio richiesto è pari a 13.409 euro, ma che ha quasi dimezzato il suo peso sul totale, visto che nel 2016 erano legate a questa finalità il 32% delle richieste, ulteriore indizio della migliorata situazione economica dei lombardi. Al secondo posto la ristrutturazione di immobili, che raccoglie il 18,77% delle domande e una richiesta media di 16.441 euro. Terzo posto per il consolidamento dei debiti, modo per uniformare importi e scadenze dei finanziamenti. In questa categoria rientrano il 18,48% delle domande presentate nel primo trimestre 2017. L’importo medio richiesto è di 16.880 euro.

DATI SUI PRESTITI (fonte: Facile.it e Prestiti.it)