Immigrazione, Bordonali contro Governo: “Tutti clandestini”

0

L’assessore lombardo all’Immigrazione, la bresciana Simona Bordonali, attacca la politica del Governo sul tema dei richiedenti asilo, con ripercussioni anche sulla Lombardia. L’occasione è la presentazione dei dati aggiornati al 12 aprile da parte del ministero dell’Interno. “Purtroppo il governo Gentiloni è in perfetta continuità con quello di Renzi: sul tema dell’immigrazione registriamo tante belle parole, ma nessun risultato – dice l’assessore – Rispetto all’anno record del 2016, infatti, gli sbarchi sono addirittura in vertiginoso aumento: siamo ormai a +23,8%. In tre mesi e mezzo in Italia sono sbarcate 27 mila persone”.

“Guardando le nazionalità dichiarate al momento dello sbarco si capisce che stanno arrivando tutti migranti economici, ossia clandestini. La prima nazionalità è addirittura quella del Bangladesh. In pratica gli immigrati fanno il giro del mondo pur di arrivare in Italia, perché sanno che saranno mantenuti per circa un anno e che non verranno rimpatriati una volta riconosciuti come irregolari.

Come sempre è la Lombardia la regione più massacrata da questo problema e infatti sono 23.700 gli aspiranti profughi che manteniamo nei centri di accoglienza lombardi. Non bastano più le parole, serve uno stop agli sbarchi e il rimpatrio di massa immediato per tutti i clandestini” conclude l’assessore.