300 ettari di bosco bruciati, scarcerato piromane di Bienno

1

Non è più in carcere Oscar Bellicini, il 23enne bresciano che era stato arrestato e portato a Canton Mombello, a Brescia, perché ritenuto responsabile di vari incendi in Valcamonica all’inizio dell’anno. Soprattutto nelle zone sopra Bienno dove 300 ettari di bosco andarono in fumo.

A sorprendere il giovane erano stati i carabinieri e quelli forestali che avevano notato la sua auto nei dintorni del punto in cui erano divampate le fiamme. Poi i militari avevano valutato il fatto che il 23enne avesse dato fuoco per consentire di far ricrescere l’erba e praticare il bracconaggio.

Di fronte a quelle accuse, il giudice aveva deciso di convalidare il fermo nell’istituto di pena. Ma il legale di Oscar Bellicini si era rivolto al tribunale del Riesame per chiedere la scarcerazione. La corte si è pronunciata nelle ultime ore accogliendo la richiesta dell’avvocato e disponendo l’uscita dal carcere. Motivo: a carico del 23enne non ci sarebbero gravi indizi di colpevolezza.

1 Commento

  1. Scusate la mia ignoranza, ma mi sembra di capire che Oscar sia innocente, se non ci sono prove sufficienti, o sbaglio?
    No, perché, in tal caso, questo articolo sarebbe una diffamazione bella e buona!

Comments are closed.