Castenedolo, donna sventa una truffa ai danni di un anziano

0

Nei giorni precedenti al 13 aprile, due uomini, padre e figlio, stavano portando a termine l’ennesima truffa dello “specchietto rotto”. Questa volta i due, siciliani di Noto, erano in piazza Cavour a Castenedolo, dove hanno cercato un contatto con la propria auto contro la vettura di un anziano. Nel momento in cui si è sentito un urto, entrambi i veicoli si sono fermati. Ne dà notizia il Giornale di Brescia.

Senza farsi vedere, uno dei due malviventi ha tracciato un graffio sull’auto dell’anziano, rompendo poi il vetro di uno specchietto retrovisore della propria vettura. Così, hanno chiesto all’uomo 150 euro per sistemare la faccenda velocemente. Purtroppo per loro, però, una donna ha assistito alla scena, capendo subito si trattasse di una truffa.

Ha allertato polizia locale e carabinieri, che giunti sul posto hanno messo le manette al padre e denunciato a piede libero il figlio. Per il primo, già noto alle forze dell’ordine, è scattato l’obbligo di dimora a Noto.