Valsabbina, il 6 maggio al PalaBrescia l’assemblea dei soci

0

Sabato 6 maggio alle 9, al PalaBrescia, si terrà la prima assemblea della Banca Valsabbina dopo dodici mesi in cui il valore delle azioni è passato da 18 euro a poco meno dei 6 dell’ultima quotazione. A renderlo noto è una comunicazione del Comitato Soci della Banca Valsabbina. Pur avendo richiesto e sollecitato una risposta fin da metà marzo, sottolinea di “aver ottenuto questa informazione solo attraverso la lettura della Gazzetta ufficiale dell’otto aprile”.

“E’ una situazione anomala – dice l’avvocato Giorgio Paris, uno dei rappresentanti del Comitato – in quanto negli anni precedenti la convocazione dell’assemblea era sempre stata comunicata ai soci fin da marzo con l’invio di una lettera a casa. Sembra che quest’anno, forse a fronte della particolare tensione che si è creata nei rapporti tra i soci, gli organi siano un po’ restii anche a convocare l’unica assemblea annuale obbligatoria per legge. Peccato che anche quest’anno i punti all’ordine del giorno riflettano l’impostazione formalistica del consiglio che si rifiuta di discutere in assemblea sia della situazione attuale sia dei progetti di sviluppo della banca”.

Nel frattempo il comitato ha formalizzato la proposta di tre candidati per il rinnovo parziale del consiglio, raccogliendo – nonostante le difficoltà create da un regolamento assembleare che appare pensato all’esclusivo fine di comprimere, se non annullare i diritti dei soci – le firme necessarie per la presentazione delle candidature. Sono il commercialista Aurelio Bizioli, il manager Alberto Campana e l’avvocato Francesca Uggeri che hanno partecipato alla creazione del Comitato, come fondatori o consulenti, accettando poi di rappresentare l’intero comitato – costituito da centinaia di soci insoddisfatti dai risultati dell’attuale gestione – in questa iniziativa.

“Un’iniziativa importante – conferma Bizioli – in quanto per la prima volta, dopo decenni di candidature bloccate gestite a tavolino dagli amministratori uscenti, i soci potranno esercitare il loro diritto di partecipazione alla vita societaria. Come accaduto anche in altre realtà associative, il confronto fra posizioni diverse non può che arricchire tutti, coinvolgendo un maggior numero di associati nelle scelte gestionali”. Il comitato provvederà quindi a convocare alcune riunioni dei soci in preparazione all’assemblea per favorire la discussione sia sull’analisi di quanto avvenuto negli ultimi dodici mesi, sia sui temi di rilevanza strategica per la banca.

“Nelle pre-assemblee avremo modo di presentare le nostre proposte di modifica dello statuto finalizzate a garantire la partecipazione effettiva dei soci – dice l’avvocato Uggeri – Si tratta di modifiche di assoluto buonsenso e correttezza istituzionale a fronte di uno statuto evidentemente datato che assegna agli amministratori uscenti dei privilegi assurdi. La rappresentanza di genere e la limitazione del numero dei mandati, nel rispetto delle indicazioni di Consob e Banca d’Italia, comporteranno necessariamente un auspicabile cambiamento”.

“Attendiamo ora di poter disporre del bilancio di esercizio 2016 per poter verificare dei risultati che – conclude Alberto Campana – dalle indiscrezioni trapelate dagli organi di stampa, appaiono tutt’altro che brillanti. Ci auguriamo di ricevere, prima dell’assemblea, risposta alle richieste di chiarimenti avanzate dal comitato a nome non di quattro, ma di centinaia di azionisti risparmiatori”.

ASSEMBLEA DEI SOCI: ORDINE DEL GIORNO

Lascia un commento