Accoltellato in via Corsica, ha confessato l’assassino: è un 23enne. In carcere

0

E’ raccontata tutta in un video di pochi secondi l’aggressione con un coltello subita dal 21enne colombiano Yaisy Bonilla ieri mattina all’alba, poco prima delle 6, all’esterno del locale “Disco Volante” di via Corsica a Brescia. Il giovane è morto nel pomeriggio di ieri alla Poliambulanza a causa delle gravissime condizioni all’addome colpito da un fendente e nonostante sia stato operato d’urgenza.

Ma la svolta è arrivata nel momento in cui la scorsa notte ha confessato la persona che ha colpito il 21enne. Si tratta di Anthony Aiello, 22 anni, italiano residente con i genitori a Gussago. Nella notte il giovane è stato messo sotto torchio dagli agenti della Squadra Mobile di Brescia, in questura, confessando il delitto. Il giovane assassino è rimasto per tutta la giornata di oggi in ospedale per guarire una ferita al naso che aveva riportato dopo un pugno del colombiano. Poi è stato condotto in carcere.

Gli inquirenti avrebbero ricostruito esattamente cosa sia successo ieri all’alba. La vittima si trovava con la fidanzata rumena quando era all’esterno del disco club, al complesso “Flaminia”. Poi avrebbe parlato con un amico, ma Aiello, non conosciuto dal colombiano, si sarebbe messo di mezzo facendo, sembra, qualche apprezzamento di troppo verso la fidanzata del 21enne.

A quel punto il sudamericano avrebbe colpito con un pugno al volto il quasi 23enne. In seguito, come mostra il video ripreso dalle telecamere, il 23enne ha raggiunto il colombiano con un coltello e lo ha colpito all’addome. Poi il sudamericano è morto in ospedale. Dopo il trasferimento in carcere per omicidio volontario, il giovane sarà di nuovo interrogato.