Autostrada Valtrompia, Peli: “Prossima settimana il contratto. A giugno i lavori”

0

La prossima settimana il contratto tra la società Anas e il gruppo Salini e a giugno l’allestimento dei cantieri per il raccordo autostradale della Valtrompia. E’ il cronoprogramma annunciato dal consigliere provinciale delegato proprio all’opera Diego Peli intervenuto al congresso della Cisl di Brescia in corso in questi giorni a Montichiari.

Secondo quanto scrive l’edizione bresciana di Corriere.it che ha interpellato e cita il consigliere, la società Serenissima che ha in gestione l’autostrada Brescia-Padova ha versato all’Anas 124 milioni di euro, metà dell’investimento. Il resto verrà liquidato nel corso dei lavori. Ma su tutto questo pesano le diffide da parte dei comitati ambientalisti contro l’opera e che chiedono di rinnovare la valutazione d’impatto ambientale che sarebbe scaduta nel 2007.

In più, il gruppo Cmc di Ravenna, arrivato secondo alla gara d’appalto (primo il gruppo Salini) ha presentato ricorso al Consiglio di Stato dopo che il Tar glielo ha respinto. La sentenza di Palazzo Spada è attesa nei prossimi giorni, ma secondo Peli non ci saranno problemi per l’opera: se il ricorso viene respinto, sarà Salini a fare i lavori, in caso contrario sarà la Cmc. E la valutazione ambientale? Il consigliere, interpellato dal Corriere, sottolinea quanto prevede lo “Sblocca Italia” per rendere meno lunghi e complicati i procedimenti nei casi di un’opera considerata strategica.

Poi c’è la posizione dei sindaci valtrumplini, tutti d’accordo sui lavori, ma che chiedono in parte di modificare per non rendere il luogo dell’intervento un “imbuto”. Peli su questo dice che l’Anas sarebbe favorevole, ma bisogna aspettare il parere dell’azienda in fase di firma sul contratto. Il progetto da 6 chilometri tra Sarezzo e Concesio (258 milioni di euro) verso la sp 19 prevede una galleria, ma anche un sottopasso che però i primi cittadini chiedono di non fare. Piuttosto andare fino al Termine di Lumezzane. Ma a questi si aggiunge l’annunciato ricorso del comitato contrario all’autostrada e favorevole all’allungamento della metropolitana e un esposto alla procura di Brescia. Ma il consigliere tira dritto. “L’opera si farà e i lavori dureranno cinque anni”.