Travagliato, Borghesi e Caparini da William Pezzullo. Progetto di legge per fondo

0

Ieri mattina, domenica, i deputati bresciani della Lega Nord Stefano Borghesi e Davide Caparini hanno fatto visita a William Pezzullo. Si tratta del giovane colpito con l’acido solforico dall’ex fidanzata Elena Perotti. La ragazza è stata condannata a otto anni di reclusione, di cui una parte già scontati in una comunità perché era incinta del primo figlio. Che la donna aveva avuto con Pezzullo, ma mai riconosciuto dall’uomo.

Gli ultimi sviluppi giudiziari hanno portato il tribunale dei minori di Brescia a dichiarare adottabili proprio il bambino, che oggi ha 4 anni e una bambina di 14 mesi che la donna ha avuto con un altro uomo conosciuto in comunità. Dario Bertelli, complice di Elena Perotti nell’agguato con l’acido, insieme alla stessa donna sono stati anche condannati al risarcimento di oltre 1 milione di euro verso Pezzullo. Ma essendo nullatenenti, al giovane dai due non arriverà nulla.

E a livello statale esiste un fondo (l’Italia è stato tra gli ultimi ad adottarlo in Europa) che permette il risarcimento ai familiari e vittime dei reati violenti. Però i limiti sono molto stringenti e quindi il giovane di Travagliato non può accedere. I deputati del Carroccio, insieme al sindaco Renato Pasinetti, ieri in visita alla casa di William hanno mostrato il proprio interesse e la partecipazione per la sua vicenda personale. Insieme al collega della Lega Nord Nicola Molteni hanno anche presentato un progetto di legge per istituire un fondo per le vittime di reati violenti.

PROGETTO DI LEGGE (LEGGI)