Niente archiviazione per insulti su Facebook contro Iginio Massari

0

Nei mesi precedenti a marzo, Iginio Massari, noto pasticcere bresciano e volto della televisione italiana, è stato insultato e minacciato su Facebook da quattro ragazzi, tre di Milano e uno di Roma. Il pasticcere ha deciso di denunciare la situazione, come consigliato dai suoi collaboratori.

Nella giornata di giovedì 23 marzo, il giudice Luca Tringali ha disposto altre indagini, dopo che la procura, aperta l’inchiesta per diffamazione aggravata da un social network e minacce a carico di ignoti, aveva chiesto l’archiviazione. Il magistrato, dopo aver chiesto a facebook di fornire i dati dei tre ragazzi, si era visto respingere la richiesta.

Infatti, il social network aveva detto che per procedere serviva una rogatoria. Per questo i tempi si sono dilatati, fino ad arrivare all’istanza di archiviazione. Giovedì, però, il giudice l’ha respinta, sottolineando che non serve nessuna rogatoria. Sarà sufficiente infatti ricevere i dati anagrafici indicati dei quattro profili.