Brescia, rapina in parafarmacia, 50enne arrestato grazie al computer

0

Gli agenti della Polizia di Stato di Brescia hanno arrestato un uomo di 50 anni, G. C., pregiudicato, accusato di essere l’autore di una rapina commessa il 13 gennaio scorso alla parafarmacia “Bocchio” di via Bassi, a Brescia. La polizia ha così eseguito nei confronti del presunto malvivente un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice delle indagini preliminari Carlo Bianchetti su richiesta del pubblico ministero Carlo Milanesi.

Quel giorno, un uomo con il volto in parte coperto da una sciarpa e armato di coltello, aveva minacciato una delle dipendenti, facendosi consegnare l’incasso di alcune centinaia di euro. Le indagini condotte dalla Squadra Mobile sono partite dall’analisi delle immagini registrate dalle telecamere dell’attività commerciale e da alcuni particolari forniti dalle vittime, poi inseriti in una speciale banca dati in uso alla Polizia di Stato: il sotto sistema anagrafico.

Contiene tutte le fotosegnaletiche dei pregiudicati, con l’annotazione delle loro caratteristiche fisiche ed eventuali segni distintivi. Per cui, inserendo alcune chiavi di ricerca (altezza, colore degli occhi, età presunta e segni particolari) vengono restituiti dei possibili indiziati del reato su cui si sta indagando. In questa circostanza, il motore di ricerca ha fornito una quindicina di candidati.

I riconoscimenti fotografici delle vittime e l’analisi del tabulato telefonico del rapinatore, che lo collocava nella zona della rapina, hanno permesso di chiudere il cerchio, consentendo all’autorità giudiziaria di emettere il provvedimento di restrizione.