Brescia, tour de force per la Cisl. Sei congressi in una settimana

0

Sarà una settimana intensa per il sindacato Cisl di Brescia atteso da sei congressi di categoria per votare i nuovi vertici. Tra questi, la Fim dei metalmeccanici che conta 9.090 iscritti e con il maggior numero di adesioni tra i lavoratori attivi. Poi la Cisl Scuola che associa 5.912 docenti, personale amministrativo e ausiliario, la Fisascat che nel commercio, turismo, terziario e servizi conta 5.558 iscritti. Ma anche la Fai che tra operai agricoli e industria agroalimentare ne conta 2.238. Poi la First con 2.094 iscritti tra i lavoratori di banche e assicurazioni.

Ad aprire il calendario mercoledì 22 febbraio sarà la Fistel, che rappresenta i lavoratori delle telecomunicazioni, grafica, cartai e mondo dello spettacolo. Si parlerà di “Concertazione e partecipazione. La persona al centro del lavoro”. I delegati si riuniranno nell’auditorium della sede provinciale dalle 9,30. Dopo la registrazione, l’elezione della presidenza e gli adempimenti statutari, il segretario generale Marina Bordonali presenterà la relazione della segreteria sulla quale si aprirà il dibattito. Ai lavori congressuali prenderà parte anche il segretario regionale Fistel Silvio Belleni.

Sempre mercoledì, ma al Centro Paolo VI di Brescia, saranno a congresso i delegati della Fisascat Cisl con “Sindacato: l’unica app per il lavoro” con “soluzioni per non diventare strumenti della tecnologia”. Il programma prevede alle 9,30 l’intervento del segretario generale Valter Chiocci, riservando al dibattito la seconda parte della mattinata e la prima parte del pomeriggio. Oltre al saluto del segretario provinciale Francesco Diomaiuta, sono previsti gli interventi del segretario regionale di categoria Fabrizio Ferrari e del componente della segreteria nazionale Vincenzo Dell’Orefice.

Giovedì 23 febbraio l’auditorium della sede cittadina della Cisl in via Altipiano d’Asiago accoglierà i delegati della First. Si tratta del primo congresso provinciale della categoria nata nel 2015 dalla fusione tra Fiba Cisl e Dircredito che nella Federazione italiana rete dei servizi del terziario hanno dato vita al primo sindacato che rappresenta tutte le aree del mondo del credito, compresi i dirigenti. Il progetto Ubi Banca Unica, le riorganizzazioni delle Bcc e le strategie occupazionali che ne derivano, saranno parte integrante della riflessione e dell’analisi della segreteria proposte dal segretario generale Andrea Di Noia. Ai lavori interverranno anche Alessandro Spaggiari, che nell’ambito della First nazionale segue il comparto del credito cooperativo, e Riccardo Colombani coordinatore nazionale First per il gruppo Ubi Banca.

Altro congresso in calendario giovedì 23 febbraio è quello della Cisl Scuola, convocato all’auditorium Capretti di via Piamarta a Brescia con lo slogan “Fare comunità, generare valori”. Alle 9 il congresso entrerà nel vivo con la relazione del segretario generale Luisa Treccani e poi il dibattito. Nell’ambito dei due lavori congressuali è inserita una tavola rotonda che dibatterà di identità digitale, web reputation, cittadinanza digitale ed economia civile. Saranno coinvolti anche i giovani che stanno svolgendo nella categoria un periodo di alternanza tra scuola lavoro, così come l’affidamento del buffet agli studenti del Cfp “Canossa”.

Si articolerà su due giornate, invece, giovedì 23 e venerdì 24 febbraio, a Villa Fenaroli a Rezzato, il congresso provinciale della Fim. In apertura dei lavori è inserita la lettura teatrale di alcuni brani del volume “Cipolle e libertà”, pagine di vita di un operaio metalmeccanico e storico dirigente della Fim. Alle 11,30 la relazione del segretario generale Alessandra Damiani e a seguire gli interventi dei diversi gruppi di lavoro che nelle scorse settimane hanno dibattuto le tesi congressuali. Venerdì 24 i lavori riprenderanno con il saluto del segretario nazionale Roberta Roncone e il prosieguo delle esposizioni dei lavori di gruppo. Alle 11,45 il programma prevede un approfondimento sul tema “Inquietudine sociale. E’ il sentiment della follia o altro?”. Ne parleranno Matteo Bruschi, formatore e presidente a Brescia di Smart City, e Matteo Scotuzzi. Nel pomeriggio, invece, si dibatteranno in una tavola rotonda le questioni legate all’innovazione “Sfide per le imprese, lavoratori e sindacato nel tempo del digitale”. Poi inizieranno le operazioni voto per l’elezione del nuovo consiglio generale che a sua volta eleggerà segretario e segreteria.

Infine, sabato 25 febbraio la Fai Cisl riunirà i propri delegati per il congresso nella sala convegni della cantina Contadi Castaldi di Adro. La relazione del segretario Daniele Cavalleri è prevista per le 9,30. A seguire il dibattito e l’intervento del segretario nazionale, già leader regionale della Fai, Attilio Cornelli.