Brescia, i carabinieri effettuano cinque arresti per diversi reati

0

Nei giorni scorsi, a Darfo Boario Terme, i Carabinieri della locale Stazione, hanno tratto in arresto un 30enne cittadino albanese, pregiudicato, senza fissa dimora, per “reingresso nel territorio dello stato senza giustificato motivo” in violazione della legge sull’immigrazione.

Il soggetto, che nel corso di un controllo aveva come documento di identificazione un passaporto rilasciato dalle autorità albanesi, a seguito di ulteriori accertamenti è risultato essere stato espulso dal territorio dello stato nel 2012 con un provvedimento dell’Autorità Giudiziaria di Siena, con un nominativo diverso. Processato per direttissima nella mattinata del 26 gennaio è stato convalidato l’arresto ed associato in carcere.

A Breno invece i Carabinieri della locale Stazione, hanno arrestato un 54enne cittadino italiano, pluripregiudicato, residente a Breno per “evasione”. L’uomo, sottoposto alla misura degli arresti domiciliari presso la propria abitazione per il reato di tentata rapina, nel corso di un controllo non è stato trovato in casa. Nel corso delle successive ricerche è stato poi rintracciato all’interno di un esercizio pubblico di Breno. Nel corso dell’udienza tenutasi nella mattinata del 27 gennaio 2017, presso il Tribunale di Brescia, l’Autorità Giudiziaria ha convalidato l’arresto, disponendo la continuazione della misura degli arresti domiciliari e il rinvio del processo ad altra data.

A Brescia inoltre l’Aliquota Radiomobile della Compagnia ha assicurato alla giustizia un cittadino italiano sorpreso nel centro cittadino intento a “visitare” auto in sosta. Il prevenuto è stato trovato in possesso di gadget appena asportati e di strumenti atti all’effrazione delle autovetture parcheggiate. Anche l’Aliquota Operativa della Compagnia di Brescia ha fornito il suo contributo in termini di repressione della criminalità fermando un giovane gambiano trovato in possesso di circa 20 grammi di hashish pronta per essere venduta.

Infine a Montichiari è stato eseguito il fermo di un cittadino italiano, ivi residente, destinatario di una mandato di arresto europeo poiché ritenuto responsabile di furto aggravato e incendio commessi in Slovenia.30