Brescia, auto travolta da treno, conducente muore in ospedale

0

Gli agenti della Polizia di Stato di Brescia e quelli della Polfer stanno lavorando sui rilievi che hanno raccolto per tutta la mattina in città. Intorno alle 6, un’auto condotta da un 33enne di origine brasiliana, solo nell’abitacolo, ha abbattuto le sbarre abbassate al passaggio a livello lungo la linea ferroviaria in via Ziziola.

Nel momento in cui ha varcato la soglia, è poi finita sui binari quando stava transitando il treno, non ad alta velocità. Ma lo scontro è stato comunque violentissimo, tanto che la vettura è stata ridotta in lamiere. Il boato è stato udito a diversi metri di distanza, così sono stati subito allertati i soccorsi. Sul posto sono arrivate l’automedica e due ambulanze insieme ai vigili del fuoco. Poi sono giunti anche la polizia ferroviaria e quella di Stato per ricostruire la dinamica.

Il conducente è stato trasferito d’urgenza in condizioni disperate alla Poliambulanza di Brescia dove però, poche ore dopo, è morto. Gli accertamenti stanno verificando per quale motivo l’auto sia finita sui binari e abbia travolto le sbarre. Infatti, il passaggio a livello era funzionante e i pali abbassati proprio per consentire il viaggio del convoglio in arrivo. Sono diverse le ipotesi: un malore all’autista che ha reso ingovernabile la vettura, una manovra tragica forse sotto l’effetto di alcol e non si esclude nemmeno il suicidio. La salma dell’uomo è a disposizione del magistrato di turno che dovrà decidere cosa fare, probabilmente sottoporla all’autopsia.

A bordo del treno, invece, nessuno è rimasto ferito. Ma la necessità di compiere tutti i rilievi del caso, oltre alla gestione dei soccorsi, ha creato gravi disagi alla circolazione ferroviaria per tutta la mattina sulla linea per Cremona e Parma. I binari sono rimasti bloccati per quasi sei ore, fino alle 11,45, quando il servizio è ripreso. Rete Ferroviaria Italiana, gestore dell’infrastruttura, ha aggiornato il bollettino per informare gli utenti fino a poco prima di mezzogiorno.

La circolazione dei treni è rimasta bloccata tra la stazione di Brescia e quella di San Zeno-Folzano verso Parma e Cremona, mentre Trenord ha attivato degli autobus sostitutivi. Come informa ancora Rfi, i treni hanno subìto ritardi medi di 20 minuti, mentre alcuni regionali sono stati cancellati o limitati nel percorso e sostituti con i bus. Trenord parla di ritardi anche fino a 80 minuti. Dalle 11,45 il servizio è tornato regolare. Immagine tratta dal GiornalediBrescia.it