Valtrompia, dieci arresti contro traffico di cocaina. Indagine partita da Lumezzane

0

Da un caso di tentata estorsione contro un locale di Lumezzane, alla scoperta di una vasta rete di spacciatori attiva in mezza provincia di Brescia, soprattutto in Valtrompia e Franciacorta. Stamattina all’alba cento carabinieri del comando provinciale hanno svolto un’operazione di polizia giudiziaria coordinata dalla procura di Brescia, portando all’arresto di dieci persone e a venti perquisizioni.

Le accuse per tutti a vari livelli sono spaccio di cocaina, favoreggiamento, tentata rapina, detenzione abusiva di arma e intestazione fittizia di beni. In particolare, cinque si sono visti notificare l’ordinanza di misura cautelare in carcere e gli altri cinque ai domiciliari. Tutte firmate dal giudice delle indagini preliminari di Brescia su richiesta del sostituto procuratore Paolo Savio. Di fatto è stata sgominata una banda dedita al traffico di sostanze stupefacenti.

L’attività dei carabinieri è seguita all’indagine che la magistratura aveva aperto contro M. F., 46enne calabrese (uno degli arrestati) che aveva tentato un’estorsione ai danni di un locale pubblico di Lumezzane. L’uomo, sottoposto alla sorveglianza speciale a causa di quell’inchiesta, è stato scoperto a spacciare cocaina comprata da R. R., un altro degli arrestati.

A finire in manette e in carcere anche un altro italiano e due fratelli marocchini. I domiciliari sono scattati per tre donne, di cui la ex compagna e quella attuale di M. F. e per due spacciatori. L’indagine ha portato a scoprire che il 46enne aveva anche partecipato a una tentata rapina contro una banca.