Bergamo, “Ingruppo” torna per 100 giorni. Al ristorante con 19 chef stellati

0

Dal 16 gennaio al 30 aprile gli chef dei più rinomati locali bergamaschi, e non solo, dimostreranno di avere energia, creatività, voglia di raccontarsi e gli ambienti adatti, dando vita alla quinta edizione di “Ingruppo”, il progetto che mette insieme ambienti, gusto, tradizione e innovazione. Diciannove professionisti della ristorazione bergamasca, con due “escursioni” nelle province di Lecco e Milano, uniranno le forze per rimarcare la loro appartenenza a un progetto che valorizza il moderno ristorante. Lo faranno con prezzi accessibili a tutti.

L’obiettivo è portare nei propri ristoranti quella parte di clientela intimorita dalla spesa eccessiva e la più giovane per educarla al piacere di una sosta che generi una felicità a tutto tondo. In cinque anni, infatti, l’iniziativa ha già portato decine di migliaia di giovani nei ristoranti aderenti all’iniziativa. Avventori arrivati dalla tutta la Lombardia, ma anche dalle province limitrofe, soprattutto in coppia o in gruppi di età tra i 30 e i 50 anni, intenti a testare i vari menu proposti. Senza contare che l’esperienza di “Ingruppo” è spesso oggetto di regali per condividere momenti unici con le persone più care.
 Per il quinto anno consecutivo si conferma la formula.

Dal 16 gennaio al 30 aprile 2017, tranne il 14 febbraio e il 16 aprile di Pasqua, i ristoranti aderenti offriranno menu completi (almeno un antipasto, un primo, un secondo e un dolce) comprensivi di vino, bevande e caffè, al costo prestabilito di 55 euro a persona per sedici dei diciannove ristoranti coinvolti. Mentre il costo sarà di 110 euro a persona per tre di loro (A’Anteprima, Da Vittorio ed Enrico Bartolini Mudec). La formula è valida sia a pranzo sia a cena in base ai giorni di apertura dei locali. La prenotazione può essere effettuata tramite telefono o mail, direttamente al ristorante, specificando la richiesta del menu “Ingruppo”.

Una formula che ha anche consentito, nell’edizione speciale attivata dal 10 al 20 settembre, di sostenere la popolazione colpita dal terremoto della scorsa estate, donando 3.969 euro al comune di Amatrice.
 La nuova edizione ha anche alcune novità. A unirsi ai ristoratori che da tempo animano l’iniziativa e proprietari dei ristoranti – A’Anteprima, Al Vigneto, Antica Osteria dei Camelì, Casual Ristorante, Colleoni’ Dell’Angelo, Collina, Nuova Trattoria Dac A Trà, Da Vittorio, Ristorante Enrico Bartolini al Mudec, Frosio, Il Saraceno, La Caprese, Lio Pellegrini, Loro, Osteria della Brughiera, Posta, Roof Garden Restaurant, Villa Patrizia Ristorante – quest’anno ci sarà il nuovo locale di Ezio Gritti, col ristorante omonimo inaugurato recentemente sul Sentierone, nel cuore di Bergamo.

Una new entry attesa quella di Gritti, con le sue ricette intrise di tradizione e autenticità. In più l’edizione si arricchisce di tre nuove stelle Michelin attribuite a Enrico Bartolini: una al Casual di Bergamo (cucina guidata dallo chef Christopher Carraro) 
e due al Mudec di Milano. Un primato assoluto in Italia. Oltre ai Casual e Mudec, tre stelle al ristorante Da Vittorio, una stella a Frosio, una all’Antica Osteria dei Camelì, una a Il Saraceno, una all’A’Anteprima, una all’Osteria della Brughiera, una al ristorante “LoRo” e una al Dac a Trà, arrivando a tredici stelle.

L’edizione sarà ancora più social rispetto al passato, con gli chef pronti a raccontarsi in “interviste doppie”, pillole video che saranno disponibili sul sito internet e su Facebook. E poi una convenzione che darà la possibilità agli avventori dei propri ristoranti di lasciare a casa la propria auto. I clienti, infatti, potranno evitare corse e code per i parcheggi e affidarsi ad autisti professionisti, evitando di mettersi alla guida al termine della cena e con un prezzo speciale.

“INGRUPPO” (PROGRAMMA)