Smog, da Concesio “pioggia” di incentivi per passare a metano e gpl

0

Il comune di Concesio spinge sulle politiche ecologiche tra riduzione dell’inquinamento atmosferico e, soprattutto, delle polveri sottili dovute in particolare ai veicoli. Lo scorso ottobre ha pubblicato un bando per ecoincentivi destinati ai residenti e alle attività per favorire la diffusione del metano e gpl nel trasporto privato, anche per i vantaggi ambientali e proporre l’acquisto o la trasformazione dei veicoli e di mezzi elettrici e ibridi. Per incoraggiare la mobilità urbana ecosostenibile è stato previsto anche un contributo per l’acquisto di biciclette a pedalata assistita e moto elettriche.

Gli incentivi vanno dai 150 euro per l’acquisto di biciclette a pedalata assistita ai 400 euro per la trasformazione di alimentazione di veicoli da benzina a metano. Inoltre, per favorire lo smaltimento dell’amianto ed eternit sono previsti 300 euro. L’incentivo è destinato ai residenti e alle attività con sede a Concesio. Potranno essere erogati al massimo due incentivi per ogni famiglia o attività. Il contributo è cumulabile con altre forme riconosciute da altri soggetti, tra ministeri e Regione Lombardia.

“Ormai sono nove anni che il comune eroga ecoincentivi, sotto forma di contributi, ai cittadini e alle imprese di Concesio – commenta l’assessore all’Ambiente e ai Lavori pubblici Giampietro Belleri.- Nel corso di questi nove anni, le forme e le finalità ammesse sono cambiate, ma sempre ispirate da scelte sostenibili nel rispetto dell’ambiente, o comunque più sostenibili di altre. Numerose sono state le richieste di contributo e questo ha consentito di ridurre il numero dei veicoli circolanti più inquinanti e di sostituirli con mezzi più ecologici.

L’imperativo del bando è ridurre il numero dei mezzi inquinanti, ma anche incentivare e dare la possibilità a chi non può permettersi di acquistare un nuovo veicolo e acquista un usato a metano o gpl, o chi possiede un veicolo a benzina euro 0 ancora efficiente e non può circolare causa blocco del traffico e opta per trasformarlo in alimentazione a metano o gpl. Tra l’altro dai motori trasformati arrivano le stesse emissioni allo scarico indipendentemente se sono euro 0 o euro 6. Nel nuovo bando abbiamo anche inserito, per la prima volta, il contributo per lo smaltimento dell’eternit: si vuole ridurre la quantità di questo materiale presente sul territorio, anche se non si trova ancora in uno stato di degrado”.