Tiro a volo, al Trap Concaverde di Lonato nascono le Frecce verde-oro

0

È stata ufficializzata nella sera di giovedì 15 dicembre, durante la cena sociale del Trap Concaverde, la nascita delle “Frecce verde-oro di Lonato”. Il nome prende origine dai colori sociali della società lonatese, ma richiama alla mente pure il Brasile e, di conseguenza, i fasti delle Olimpiadi di Rio, dove l’armata azzurra s’è imposta infrangendo ogni record di questa disciplina.

Il nome è benaugurante, ma al contempo impegnativo. Così come impegnativo sarà fare parte di un gruppo che, sebbene sia tutt’altro che esclusivo, richiederà precisi requisiti morali e sportivi. I tiratori scelti dovranno infatti rappresentare il tiro a volo con i valori più alti dello sport, distinguendosi per comportamento e atteggiamento in ogni circostanza su qualunque campo nazionale e internazionale. Il regolamento, che trae spunto direttamente da quello del tiratore azzurro, prevede che una “Freccia” nasca a seguito di una convocazione nella rappresentativa della società in occasione di gare a livello nazionale, al conseguimento di risultati agonistici di rilievo o su chiamata della commissione tecnica.

«Il titolo di Freccia verde oro costituirà il massimo riconoscimento di ordine tecnico e morale per i tiratori tesserati presso la società ASD Concaverde – ha spiegato Roberto Armani, ex nazionale azzurro e commissario tecnico della squadra – Bisognerà essere in un certo modo non solo come sportivi, ma anche come persone. La struttura del Trap Concaverde è un esempio a livello mondiale. Mi piaceva, quindi, l’idea che anche i suoi tiratori potessero essere d’esempio. I tesserati sono rimasti entusiasti di questo progetto e così, già a partire dagli imminenti campionati invernali (la prima prova sarà il 6 gennaio, ndr), quindici di loro faranno parte insieme a me della squadra. È doveroso, infine, ringraziare Ivano Pognani per il lavoro e contributo tecnico, senza i quali oggi questo progetto non si sarebbe realizzato».

Questi i nomi delle prime “Frecce”: Giuliano Alberti; Giuseppe Bresciani; Alberto Chiampan; Angelo Dalceri; Sergio Dragoni; Giacomo Galesi; Bruno Giovannetti; Giovanni Gobbo; Pietro Manzoni; Palmiro Menoni; Luciano Minelli; Ivano Pognani; Federico Rosa; Enrico Rossi; Ugo Rovetta C.T. Roberto Arman