“Bonus cultura” per giovani, anche con Brescia Musei e Nuovo Eden

0

Anche la Fondazione Brescia Musei aderisce a 18app, l’iniziativa a cura del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e della Presidenza del Consiglio dei Ministri dedicato a promuovere la cultura tra le giovani generazioni.

Il programma, destinato a chi ha compiuto o compirà 18 anni nel 2016 permette loro di ottenere 500€ da spendere in cultura: i ragazzi hanno tempo fino al 31 gennaio 2017 per registrarsi a 18app e fino al 31 dicembre 2017 per spendere il Bonus Cultura.
Tutti i nati nel 1998 potranno quindi utilizzarlo per accedere al Museo di Santa Giulia, visitare le mostre in corso e partecipare alle attività, al Museo delle Armi Luigi Marzoli, a Brixia Parco Archeologico Brescia Romana e per acquistare i biglietti dei tanti film in programmazione al Nuovo Eden.

Appena registrati come esercenti sul portale 18app, il Museo di Santa Giulia ha raccolto già i primi voucher. E’ un importante segnale di fermento tra i ragazzi, che vogliamo assolutamente promuovere anche mettendo a loro disposizione una serie di attività ad hoc.” – commenta Luigi Di Corato – “I musei sono sempre più accessibili e Fondazione Brescia Musei si conferma pronta ad accogliere e sostenere nuove iniziative che vadano in questa direzione.”

Accedere al Bonus Cultura è molto semplice: tutto avviene online.

Chi vuole usufruire del bonus deve prima ottenere lo Spid, l’accredito elettronico presso la Pubblica amministrazione che comprova l’identità digitale e scaricare l’app predisposta appositamente per questo scopo registrandosi attraverso il sito www.18app.italia.it. In questo modo vengono generati dei voucher, fino a 500 euro. E’ sufficiente verificare il prezzo dei biglietti dell’iniziativa a cui si vuole partecipare e generare così un buono di pari importo. Il buono così creato deve essere stampato o salvato sul proprio smartphone e presentato alle biglietterie, dove verrà rilasciato regolare biglietto di ingresso. Un’applicazione web insomma, perfetta per dei nativi digitali come i nuovi maggiorenni.