Sergio Zanotti, un imprenditore rivela: “L’ho mandato io in Turchia”

0

Sergio Zanotti, il bresciano di Marone, di 56 anni, che compare come prigioniero in un video pubblicato pochi giorni fa dall’agenzia russa “Newsfront”, potrebbe aver fatto perdere le proprie tracce per non riuscire a pagare i debiti. L’indiscrezione è riportata dai giornali locali riportando quanto scrive oggi il Giornale di Brescia. Sembra che un imprenditore, amico del 56enne, abbia mandato il presunto prigioniero in Turchia per una fidejussione.

Un modo per stringere nuove forme di collaborazione e riprendere l’attività economica dopo vari problemi, anche giudiziari che li hanno coinvolti entrambi in passato. Il 56enne sarebbe partito il 14 aprile scorso, chiedendo però un prestito al titolare per poter muoversi. Poi la corrispondenza sarebbe andata avanti tramite mail e messaggi, fino a quando Zanotti avrebbe chiesto altri soldi che l’imprenditore ha concesso, ma con un ultimatum. Da maggio, poi, più nessun contatto. A quel punto il titolare avrebbe chiesto informazioni a un conoscente in Turchia, sentendosi dire che di Zanotti non si avevano più tracce da mesi.

Così si arriva a pochi giorni fa quando viene pubblicato il video. Materiale mandato al sito russo da un certo Almed Medi. Gli inquirenti italiani sono al lavoro per capire la veridicità del materiale multimediale, rilevando che ci sono dei dubbi rispetto alle modalità dell’Isis. Quindi, l’uomo potrebbe essere stato rapito da una banda di criminali comuni, ma non è nemmeno escluso che sia finito in mani jihadiste.

Oppure che si tratti di una messinscena per non dover pagare il debito. Tra l’altro dall’anonimo gruppo fanno sapere, tutto da verificare, che avrebbe diversi ostaggi europei e sarebbe responsabile dell’omicidio di un giornalista norvegese il cui governo non avrebbe accettato la trattativa di liberazione. Tutte le indagini per capire cosa stia succedendo sono in corso da parte degli 007 italiani, mentre a Marone la famiglia dell’uomo e il resto della comunità sono in apprensione.