Gemona (Ud), forze militari d’Europa si allenano per i teatri di crisi

0

In Friuli-Venezia Giulia è iniziata l’European Wind 2016. Si è partiti con l’alzabandiera in piazza del Ferro, a Gemona del Friuli, per il via all’esercitazione multinazionale e interforze che si concluderà il 2 dicembre. Scopo dell’esercitazione è certificare il raggiungimento della piena capacità operativa del Battle Group europeo, forza militare di intervento rapido a disposizione dell’Unione Europea per essere impiegata in eventuali teatri di crisi internazionale già da gennaio.

Nelle esercitazioni sono coinvolte le Forze Armate appartenenti alla Defence Cooperation Initiative, iniziativa di cooperazione militare di cui fanno parte le Forze Armate di Italia, Austria, Croazia, Slovenia, Ungheria e, da poco, anche dell’Albania, presente a Gemona con alcuni osservatori.

I militari dei cinque Paesi sono giunti in Friuli già la scorsa settimana e da oggi, grazie alla capacità di integrazione che contraddistingue le truppe in campo, opereranno insieme in diverse aree di addestramento della provincia di Udine dirette dal Comando Brigata Alpina Julia, unità dell’esercito italiano che è anche leader del Multinational Land Force, forza terrestre di cui fanno parte anche Slovenia e Ungheria.

Il contingente più corposo è quello italiano, che schiera oltre 1.200 uomini e assetti specialistici capaci di sviluppare e gestire il più ampio scenario di eventi che possono caratterizzare l’impiego militare in supporto a una nazione interessata da una situazione di crisi.