Basket, per Brescia arriva l’importante vittoria in trasferta contro Varese

0

Due trasferte, due vittorie: la Leonessa lascia il segno anche a Varese, espugnando il campo dell’Openjobmetis sei giorni dopo la perla conquistata a Brindisi. Al PalA2A di Masnago Brescia vince 74-68, al termine di una gara equilibrata in cui il quintetto di Diana ribatte colpo su colpo agli avversari, fino a piazzare la zampata finale, quella che le garantisce il terzo successo in campionato. Burns (18 punti) è il miglior realizzatore della Germani, che festeggia con una vittoria la prima gara di David Moss da capitano e regala una grande gioia ai numerosi tifosi biancoblu accorsi a vedere la partita.

LA PARTITA – Il primo canestro della Leonessa è di Moss, tutt’altro che amato dal pubblico di Masnago in una partita che in avvio scorre sui binari dell’equilibrio (8-8 al 5′). Johnson piazza la sua prima zampata, Moore risponde in appoggio, ma il numero 32 dell’Openjobmetis è ispiratissimo e con le sue triple confeziona al 10′ il primo vantaggio consistente del match per Varese sul 24-12. L’inizio del secondo quarto è tutto della Leonessa, che guidata da Burns (14 punti in 8′) si riporta rapidamente a contatto. Johnson continua il bombardamento dall’arco ma stavolta Brescia è pronta a rispondere: Moore (due triple consecutive) e Michele Vitali le permettono di prendere il comando delle operazioni (37-38 al 18′), prima che la tripla a suon di sirena di Cavaliero fissi il punteggio al 20′ sul 42-42.

Moore apre la ripresa con un’altra tripla ma il terzo fallo di Moss complica le cose in casa Germani. Entrambe le squadre si mettono a zona, dando vita a una serie di sorpassi e controsorpassi, un trend confermato dal risultato finale del terzo quarto, con la Leonessa avanti di due lunghezze sul 57-59. Landry prova la schiacciata spettacolare su assist di Moore, senza riuscirci, e Varese riprende il timone della gara, tornando sul +4 al 34′. Il batti e ribatti continua e a 3′ dalla sirena finale le squadre sono di nuovo in perfetta parità. A indirizzare il match nelle mani bresciane ci pensano Landry, autore di una tripla d’autore, e Moss, che dall’arco punisce la difesa varesina. E quando Burns deposita in contropiede il canestro della staffa la Leonessa può alzare le braccia sul traguardo, con il 68-74 finale a decretare la seconda vittoria consecutiva in trasferta di Brescia, che ora può guardare al futuro con serenità e convinzione.

ANDREA DIANA – “Prima di tutto voglio dedicare questa vittoria ad Alessandro Cittadini: il fatto che non sia più con noi ci rende tristi, per un giovane allenatore come me aver avuto in squadra un giocatore come lui è stata una fortuna incredibile. È stato un esempio per tutti e se oggi siamo a questo punto è anche merito suo. Vincere su questo campo la considero un’impresa, frutto di un rendimento che si è alzato nelle ultime due settimane. La chiave della partita è stata la nostra difesa, che è stata brava a non far prendere mai ritmo ai nostri avversari. Nelle giocate finali, poi, abbiamo mostrato anche il nostro talento, mettendo quei tiri che anche un po’ per sfortuna non erano entrati in precedenza”.

OPENJOBMETIS VARESE-GERMANI BASKET BRESCIA 68-74 (24-12, 42-42, 57-59)
Openjobmetis Varese: Anosike 8 (3/4), Maynor 9 (2/7, 0/2), Avramovic 3 (0/1, 0/3), Pelle 9 (4/4), Bulleri 2 (1/1, 0/1), Cavaliero 5 (1/4, 1/6), Campani ne, Kangur 9 (1/4, 1/3), Canavesi ne, Ferrero, Eyenga 11 (1/5, 1/4), Johnson 12 (0/2, 4/7). All: Moretti
Germani Basket Brescia: Moore 15 (2/5, 3/4), Passera ne, Berggren 4 (2/3), Bruttini ne, L. Vitali 4 (0/2, 1/5), Landry 17 (5/11, 2/8), Bolis ne, Burns 18 (8/12, 0/2), M. Vitali 3 (1/4, 0/4), Moss 13 (2/3, 3/8), Bushati. All: Diana
Arbitri: Biggi, Di Francesco e Paglialunga
Note: Tiri da 2: Varese 13/32 (41%), Brescia 20/40 (50%) – Tiri da 3: Varese 7/26 (27%), Brescia 9/31 (29%) – Tiri liberi: Varese 21/28 (75%), Brescia 7/11 (64%) – Rimbalzi: Varese 41 (30 RD, 11 RO), Brescia 39 (26 RD, 13 RO).