Treni, pendolari Brescia-Milano, “serve nuova intesa Trenitalia-Trenord”

0

“E’ necessario un nuovo accordo sul 2017 tra Trenitalia e Trenord a favore dei pendolari che ogni giorno si muovono sulla linea Milano-Brescia-Verona”. Questo è, in sintesi, quanto pensano i consiglieri regionali bresciani che hanno firmato una mozione condivisa affinché arrivi un’altra intesa. Il motivo riguarda il fatto che Trenitalia sta eliminando progressivamente i Frecciabianca a favore dei Frecciarossa. Questo vuol dire che i passeggeri abituati a prendere i primi mezzi, saranno costretti a pagare di più per salire sui Frecciarossa oppure a vedersi peggiorare il servizio andando sui regionali.

Intanto, Trenitalia e Trenord hanno raggiunto un accordo, in vigore fino al 31 dicembre, che consente ai possessori degli abbonamenti “Carta Plus” e “Io Viaggio Ovunque in Lombardia” di salire sui mezzi più veloci che altrimenti costerebbero di più. Infatti, la differenza attualmente viene compensata dalla Regione. Ma si deve trovare una soluzione almeno per il prossimo anno che è dietro l’angolo e in vista di nuove iniziative. Altrimenti, i pendolari dovranno sborsare cifre maggiori per i Frecciarossa o arrivare a destinazione con i regionali. E in tutto questo, delle Frecceverdi promesse dalla lombarda Trenord con i comfort e in sostituzione delle Frecciabianca non se ne parla ancora.

“La situazione dei pendolari bresciani sulla tratta Brescia-Milano merita una soluzione definitiva e l’apertura dell’alta velocità (a dicembre con il premier Renzi, ndr) non può tradursi in un peggioramento del servizio, ma deve portare un reale beneficio per tutti. Per questo – commenta l’assessore lombardo allo Sviluppo Economico Mauro Parolini – chiediamo che vengano trovate subito le risorse necessarie per chiudere l’accordo con Trenitalia e consentire a chi viaggia con la tessera ‘Io Viaggio Ovunque in Lombardia’ e l’abbonamento integrato ‘Carta Plus’ di poter utilizzare le Frecce anche l’anno prossimo.

La differenza di costi a carico della Regione è al momento l’unica soluzione accettabile per garantire a migliaia di persone la qualità degli spostamenti quotidiani a costi accettabili. Dobbiamo rilanciare in modo concreto l’accordo tra Trenitalia e Trenord – continua l’assessore – vantaggioso per entrambi, per fare in modo che i treni veloci di Trenitalia svolgano anche il ruolo di trasporto pubblico, integrato e flessibile, degno di quell’unica e moderna città lineare che va da Milano ai confini con il Veneto”.