Terrorismo, scarcerato Gafurr Dibrani. Postava sul web video incriminati

0

E’ uscito dal carcere Gafurr Dibrani. Il 24enne kosovaro, residente con la moglie e il figlioletto a Fiesse, nella bassa bresciana, era stato arrestato il 3 novembre con l’accusa di apologia al terrorismo. Ma in queste ore il tribunale del Riesame di Brescia, dopo la richiesta dell’avvocato del giovane, ha deciso di farlo uscire dal carcere.

Annullata, quindi, l’ordinanza di custodia cautelare che il giudice aveva firmato e notificata dagli agenti della Digos. Il giovane, da anni in Italia, era finito in manette dopo che le forze dell’ordine avevano monitorato la sua attività su internet. Il 24enne pubblicava video inneggianti al terrorismo e all’Isis, con l’intento di addestrare anche il figlio. Tanto da postare video con bambini che fanno esplodere ordigni contro i presunti infedeli.

Nel mirino delle forze dell’ordine erano finite anche le frequentazioni e i contatti del giovane, in particolare con diversi Imam arrestati nei Balcani per propaganda islamica. E, sembra, con Anas El Abboubi, il ragazzo cresciuto a Vobarno, in Valsabbia, prima di essere messo in carcere e liberato, anche lui da Riesame, per poi partire verso la Siria. La detenzione per il 24enne kosovaro, quindi, è durata due settimane. Fin dal momento dell’arresto si è detto innocente e di non aver mai voluto inneggiare al terrorismo.