Valtenesi, via libera al diritto allo studio. 1,5 milioni per quattro comuni

0

Lo scorso 26 ottobre l’Unione dei Comuni della Valtenesi ha approvato il piano di diritto allo studio dei quattro enti gardesani. Quasi 1,5 milioni di euro di investimento tra gli asili, le scuole elementari e le medie. Le risorse impegnate dai quattro comuni vengono solo in una parte recuperate dalle famiglie attraverso i pasti e il servizio di trasporto. Il piano, elaborato dagli uffici con gli assessorati all’Istruzione dei quattro comuni, fa fronte alle richieste delle scuole. Tutto nell’ambito dell’ampliamento dell’offerta formativa che ha cercato di uniformare i servizi.

Si parte dai contributi alle scuole dell’infanzia. Tre su quattro sono finanziate dalle amministrazioni comunali (110 mila euro a Manerba, 50 mila a Moniga e 150 mila per Padenghe). Altre somme sono state stanziate sui progetti di sostegno alle materie curricolari, tra Sos matematica e lingue straniere. Oltre alle iniziative personalizzate, ma nel rispetto dell’autonomia scolastica. La scuola media di Manerba, infatti, ha un indirizzo più informatico, quella di Padenghe nel campo musicale. Nella seconda verrà, infatti, finanziato anche un percorso teatrale.

Anche le scuole elementari, una in ogni comune, riceveranno i finanziamenti ai progetti proposti, tra cui spicca un percorso di sostegno agli insegnanti. Un modo per affrontare con maggiore sicurezza le sfide educative in continua evoluzione. Nel piano approvato, ci sono anche diverse risorse per l’assistenza ai disabili e l’organizzazione di mensa e trasporto scolastico. Un altro stanziamento si riferisce al doposcuola, quest’anno previsto per tutti i plessi. In più, gli interventi per la manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici e quelli di riqualificazione vera e propria. A Padenghe, per esempio, nel 2017 si adeguerà la scuola a livello sismico con oltre 1 milione di euro. Il presidente dell’Unione e sindaco di Padenghe Patrizia Avanzini si dice soddisfatta per il risultato raggiunto.