Brescia, “Il Pane della Gioia” e iniziative di lavoro con la Caritas

0

La Caritas di Brescia segnala una serie di progetti. Uno di questi, per l’Avvento di Carità, è “Il Pane della Gioia”. Una proposta che offre la possibilità di meditare sull’esperienza quotidiana dell’accogliere. Quattro le domande, una per ogni settimana di Avvento, che invitano a un atteggiamento gioioso verso la vita. Chi accoglie chi? Come accogliere? Accogliere al fine di? Cosa aggiunge la fede? Quattro domande che trovano linfa nelle parole del vescovo Luciano Monari al convegno diocesano delle Caritas parrocchiali incentrato sul tema dell’accogliersi in casa.

Quanto raccolto durante la Giornata del pane (27 novembre), realizzata con il contributo dell’Unione Panificatori Artigiani della Provincia di Brescia e la Confartigianato di Brescia e Lombardia orientale, porterà alla costruzione del centro cottura della Casa del Misericordiare, l’opera-segno dell’Anno della Misericordia, in corso di concretizzazione negli ambienti dell’ex seminario vescovile. Tutte le informazioni allo 030.3757746 e via mail.
Dalla Caritas segnalano anche “Asine di Balaam”, società agricola di allevamento di asini (59 in tutto), una delle primizie sul campo del lavoro, inaugurata il 12 giugno in Franciacorta, a Coccaglio, che sta entrando nel vivo della propria attività.

Nei primi cinque mesi, “Hiò. Bellezza d’asina per sempre”, la linea di prodotti di bellezza a base di latte d’asina (55%) creata per raccontare – attraverso un nome semplice e distintivo (Hiò) – il rapporto positivo ed emozionale con l’asino, ha già offerto un’occupazione a sei donne impegnate nella presentazione del progetto di agricoltura sociale e nella vendita di cosmetici a base di latte d’asina. Per continuare a generare nuove opportunità di lavoro e di solidarietà, lancia anche un appello: “Aiutaci a dare una mano a chi non ha un lavoro: ospita la presentazione del progetto Hiò”. Ha invece preso il via il 26 ottobre il corso base “Interventi assistiti con gli asini per coaudiutore dell’asino” (30 partecipanti), organizzato dopo due corsi propedeutici per attività assistite con animali, con 82 persone.

Lo scorso aprile l’Agenzia di Tutela della Salute di Brescia e la Fondazione Opera Caritas San Martino hanno sottoscritto il protocollo d’intesa per promuovere iniziative di interventi assistiti con animali per attivare percorsi di formazione professionale per abilitare operatori allo svolgimento di interventi di terapia, educazione o attività assistite nonché a strutturare progetti di pet therapy.